Alle h. 18:37, la trasmissione "L'Infedele" di Gad Lerner - trasmesso su "La7" - mostra le immagini del nostro Premier Silvio Berlusconi che viene colpito al volto da un oggetto non identificato. Inizialmente si pensava fosse un pugno. Più tardi si dirà poter esser:

  • o un masso di pietra di color nero,
  • o un oggetto di metallo,
  • o una statuetta souvenir del Duomo.

Berlusconi si trovava in quel momento ad un comizio, da lui diretto in Piazza Duomo a Milano, per avviare la nuova campagna di tesseramento del Popolo della Libertà (PDL).

Nello specifico il Premier è stato colpito al labbro inferiore che è parso MOLTO sanguinante tanto da apparire come allarmante.

Le prime informazioni ai mass media arrivano da una donna che ci stava vicino e che quindi risulta come una testimone d'eccezione. Nello specifico stiamo parlando, e la ringraziamo per la disponibilità, di una certa Marcella.

Alle h. 18:44-49, veniamo a sapere che Berlusconi è stato portato all'ospedale milanese San Raffaele, e contemporaneamente è stato bloccato ed arrestato l'attentatore che per poco non veniva linciato dai sostenitori del Premier. Le parole del Ministro della Difesa, La Russa, sono state: "Fermata e identificata la persona che ha ferito il premier".

Si pensa che il colpevole dell'attentato sia un giovane di soli 25-26 anni che si era confuso tra la folla.

Vi terremo aggiornati per gli sviluppi ...

PRIME DICHIARAZIONI:

  1. Maurizio Lupi (vice presidente Pdl della Camera): "Di Pietro cattivo Maestro" -> "Siamo tornati al clima d'odio degli anni '70. I 'cattivi maestrì, come Antonio Di Pietro, il nemico da abbattere, la violenza della piazza. Quello che è successo oggi a Milano, dopo gli scontri di ieri a margine della commemorazione di piazza Fontana, dimostra che abbiamo ormai superato il livello di guardia".
  2. Sandro Bondi: "Frutto di una campagna d'odio" -> "Quello che di aberrante e terribile è accaduto è il frutto di una lunga campagna di odio che è stata scatenata da precisi settori della politica e dell'informazione".
  3. Luca Palamara (Presidente di ANM) -> Solidarietà al premier accompagnata dal "ripudio di ogni forma di violenza che si sostituisca al confronto delle idee".
  4. Buttiglione (Presidente UDC): "Clima pericolo" -> L'aggressione a Silvio Berlusconi "è l'ennesimo esempio del clima pericoloso che si respira in questo Paese e che bisogna smettere di alimentare".
  5. Bersani (Segretario del Partito Democratico): "Gesto Inqualificabile che va fermamente condannato".


CHI E' L'AGGRESSORE? Sarebbe un incensurato l'uomo che questa sera ha colpito Berlusconi al termine del comizio a Milano. A quanto riferito dal vicesindaco Decorato l'uomo si chiamerebbe Tartaglia, classe 1967 e non avrebbe precedenti penali.
h.19:21: Abbiamo saputo che l'attentatore sarebbe Massimo Tartaglia di 42 anni e non un giovane. La Digos dice di non conoscere tale uomo.  ... Sono ancor in corso degli aggiornamenti ...


NUOVE DICHIARAZIONI:
  • 19:23 ___ Roberto Calderoli: "Ecco i veri fascisti" -> "Quando parlavo di complotto venivo preso per matto, adesso dai complotti contro Berlusconi si passa ai fatti e si vede dove sono i veri fascisti".
  • Antonio Di Pietro: "Sono contro la violenza MA ... Berlusconi è un istigatore" -> Secondo l'oppositore politico di Berlusconi, l'attentato è stato sì sbagliato, ma provocato dal modo di far politica dello stesso Premier. Nello specifico Di Pietro dice: "Io non voglio che ci sia mai violenza, ma Berlusconi con i suoi comportamenti e il suo menefreghismo, istiga alla violenza". A tali parole ...
  • ... Emilio Fede (direttore del TG4) risponde: "Si deve vergognare Di Pietro di tali parole. Sono inaccettabili. Non darò mai più uno spazio al mio TG per le sue idee".
  • 19:31 ___ Gianfranco Fini (Presidente della Camera): "Inaccettabili le parole di Di Pietro" -> "Le dichiarazioni di Antonio Di Pietro sono inaccettabili. Non si può in alcun modo giustificare un atto di violenza". Lo afferma il presidente della Camera Gianfranco Fini, per il quale "si tratta di un gesto gravissimo di fronte al quale tutte le forze politiche hanno il dovere di manifestare una convinta condanna esprimendo solidarietà al presidente del Consiglio".
TERZE DICHIARAZIONI:
  • Giorgio Napolitano (Presidente della Repubblica): "Ferma condanna" -> "Esprimo la più ferma condanna del grave e inconsulto gesto di aggressione nei confronti del Presidente del Consiglio al quale va la mia personale solidarietà". Inoltre esprimo "il più netto, rinnovato appello perchè ogni contrasto politico e istituzionale sia ricondotto entro limiti di responsabile autocontrollo e di civile confronto, prevenendo e stroncando ogni impulso e spirale di violenza". Con queste parole il Capo Dello Stato Giorgio Napolitano commenta l'aggressione al presidente del Consiglio.
  • Schifani (Presidente della Camera) -> si accomuna alle parole del vice presidente Lupi, esprimendo la sua solidarietà e condannando duramente l'inaccettabile aggressione subita oggi dal Premier.
  • Massimo D'Alema (presidente della Fondazione Italianieuropei) -> "Un episodio grave, che condanniamo e che dimostra quanto sia necessario che tutti si assumino le proprie responsabilità per non alimentare un clima di contrapposizione e di violenza".
  • Paolo Bonaiuti (sottosegretario alla presidenza del Consiglio) -> "BERLUSCONI L'AVEVA PREVISTO" ... -> parlando a Sky Tg24 dice: ""Mentre il premier stava passando da un esame all'altro mi ha detto: "Paolo ti ricordi che cosa ti avevo detto in macchina... E venendo in macchina da Arcore si era lamentato del clima di tensione e di odio di questi giorni e aveva rilevato: speriamo non succeda nulla. E' stato, purtroppo buon profeta" "".
  • MILAN: "Vicini al Presidente"-> Dal suo sito internet, il Milan Calcio esprime la sua solidarietà con queste parole: "Tutti vicini, tutti con affetto, tutti con il presidente Berlusconi!".


QUALE E' STATO L'OGGETTO CONTUNDENTE? ... h. 19:58, abbiamo la conferma che l'oggetto sia stato una statuetta souvenir riproducente il Duomo di Milano (lo stesso luogo ove si trovava la manifestazione del PDL).


ALTRE NOTIZIE SULL'ATTENTATORE: Il Policlinico di Milano ha affermato che Massimo Tartaglia, l'attentatore di Piazza Duomo, è in cura da ben 10 anni nella sua sede per problemi mentali.


Altri commenti dal mondo politico:
  • Mara Carfagna dice: "L'impressione è che l'opposizione stia facendo come negli anni settanta, quando il Pci, per non dovere affrontare la propria base, chiuse un occhio e cullò al suo interno quelli che sarebbero diventati terroristi assassini".
  • La Fondazione "FareFuturo", considerata vicina al presidente della Camera Gianfranco Fini, dice: "Il clima d'odio, di rancore, di delegittimazione dell'avversario e del nemico non può che creare mostri, non può che riportare l'Italia a un tempo che nessuno vorrebbe più vivere". Poi aggiunge: "Oggi è stato un gesto di un singolo. Gravissimo. Ma domani potrebbe essere di più. E per questo che non è più tempo dei falchi. E' tempo, deve essere il tempo, delle colombe".
  • Emma Marcegaglia, presidente di Confindustria, dice: "Esprimo solidarietà e vicinanza al presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, vittima di un'indegna e vile aggressione subito dopo una pacifica manifestazione politica".
  • Gianfranco Mascia uno dei portavoce del No B day, dice: "A proposito dell'azione violenta nei confronti di Berlusconi oggi a Milano, precisiamo che il 'popolo viola' respinge qualsiasi azione violenta. Tutte le iniziative proposte ed organizzate dal 'popolo viola' sono ispirate ai principi della nonviolenza".
DALL'ESTERO: Anche i mass media esteri hanno aperto i loro Tg con la notizia del nostro premier colpito da una statuetta riproducente il Duomo di Milano. Di seguito infatti mostriamo la foto della prima pagina del giornale online della BBC che riprende la nostra stessa immagine.
ALTRI COMMENTI:
  • Lo stesso Romano Prodi (es. segretario del PD) esprime il suo dispiacere nei confronti di tale atto di istintività non giustificata: "Esprimo profondo sdegno e una ferma condanna per il gesto violento che ha colpito oggi a Milano Silvio Berlusconi, al quale va la mia più sincera solidarietà e l'augurio di una rapida guarigione".
  • Sergio Chiamparino, presidente Anci esprime la sua "totale solidarietà al presidente Berlusconi", augurandosi anche una sua "piena e pronta guarigione". Poi aggiunge: "A nome mio personale e degli organi della associazione dei Comuni italiani esprimo il più vivo sdegno per il vile gesto compiuto ai danni del presidente del Consiglio Silvio Berlusconi".
  • Il sindaco di Milano, Letizia Moratti, commentando l'aggressione a Berlusconi, dice: "L'atto di stasera è la conferma del male che nasce da un uso distorto della critica politica e dell'assurda demonizzazione di uno dei politici più importanti della storia della nostra democrazia".
  • Il presidente del Senato Renato Schifani in collegamento telefonico con il Tg1 (che stavamo seguendo), commentando l'aggressione subita dal premier, dice: "La pacifica convivenza democratica del Paese è a rischio ... Ritengo che sia giunto il momento che la politica si interroghi e occorre fare il punto sul linguaggio e sul clima di tensione".
  • Antonio Bassolino, presidente della Regione Campania, esprime solidarietà a Silvio Berlusconi "per il gesto inqualificabile di cui è stato vittima. Gli auguro una pronta e completa guarigione. E' intollerabile e ingiustificabile quanto avvenuto. La violenza va condannata sempre e senza nessun distinguo".
  • Anche il Vaticano esprime il suo commento. Lo fa col suo portavoce padre Federico Lombardi che dice: "E' un fatto molto grave e preoccupante, che manifesta il rischio reale che dalla violenza delle parole si passi alla violenza nei fatti". Poi aggiunge: "Ogni violenza va fermamente condannata senza incertezze da tutte le parti politiche e dalle diverse componenti della società. Al presidente Berlusconi, così irresponsabilmente colpito, va la nostra doverosa solidarietà".


COME STA ADESSO IL PREMIER? h. 20:31, Paolo Bonaiuti dice che "al presidente del Consiglio è stata riscontrata una infrazione all'osso nasale, gli sono saltate le otturazioni di due denti, ha una ferita con perdita di sangue ad un labbro".

ULTIME NOTIZIE SULL'AGGRESSORE: h.20:56, queste sono le informazioni finora note sull'attentatore:

  • Nome -> Massimo Tartaglia,
  • Età -> 42 anni,
  • Precedenti penali -> Solo un ritiro della patente per motivi di viabilità;
  • Domicilio -> Risiede a Cesano Boscone, provincia di Milano.
  • ALTRO -> L'uomo avrebbe disturbi psichici, non risulta iscritto a nessuna associazione o partito politico.
  • Lavoro -> La sua attività sta tutta dentro l'azienda di famiglia.


written by Admin GAT (Giulio Alberto Tolu)