Torino, panico in Piazza: mille feriti
Torino, panico in Piazza: mille feriti

Piazza San Carlo Torino, panico e fuggi fuggi generale. È accaduto durante la finale di Champion League, ad un tratto una esplosione ha provocato il fuggi fuggi generale, il bilancio è gravissimo, ma cosa è successo? Perchè la gente ha reagito in questo modo? Il racconto di una notte di ordinaria follia .

Copyright © All Rights Reserved - We-News.com

Piazza San Carlo Torino: la finale di Champions League Juventus Vs Real Madrid non è ancora finita, ma ad un tratto succede di tutto.

Un botto, un boato e si scatena il panico più totale.

I presenti avranno pensato subito ad un attentato terroristico, fortunatamente non è stato così anche se poi, quasi alla stessa ora, a pochi chilometri di distanza, sii stava consumando un vera e propria carneficina.

Mentre in Spagna si stava iniziando a festeggiare la vittoria del Real Madrid e in Italia si consumava la delusione per una sconfitta inattesa, l'Europa ripiombava nel buio per un altro vile, crudo e massiccio attacco terroristico.

A Londra tre terroristi hanno prima investito e poi sgozzato la gente provocando sei morti ed almeno 20 feriti, tutto questo a poche settimane dall'attentato di Manchester avvenuto durante il concerto di Ariana Grande.

Donald Trump spinge per il travel ban, il divieto di ingresso negli Stati Uniti di Musulmani e adesso, dopo la grande rabbia e la paura per quanto successo, ci si chiede se non sia il caso di pensare a misure più restrittive anche in Europa che in pochi mesi ha subito almeno tre attentati di importanti proporzioni (il primo l'attentato di Parigi prima delle elezioni francesi).

Dopo questa breve, ma doverosa parentesi, ritorniamo a quanto accaduto a Torino.

La partita sta per finire, il popolo juventino, ammutolito dal risultato, viene travolto da un boato.

Il alcune riprese si vede la gente che inizia a fuggire via, altri che cercano di riportare la situazione alla calma ma con scarsi risultati.

A generare il sospetto che si potesse trattare di un attentato terroristico è stato il susseguirsi di due boati, ma mentre il primo era dovuto alla scoppio di un petardo, il secondo era dovuto al cedimento del parapetto di un parcheggio..

La cronaca di Torino: ad un tratto Piazza san Carlo si è trasformata in un teatro del terrore, con urla spintoni e gente che correva a destra e manca.

A nulla è servito il richiamo all'ordine di alcuni tifosi che disperatamente hanno cercato di calmare la massa.

A rimetterci sono stati soprattutto i più piccoli, un bambino è stato calpestato dalla folla e adesso si trova a lottare tra la vita e la morte in Ospedale.

Il bilancio è gravissimo, sembra una guerra, le ultime notizie su Torino, riportate dall'Ansa, alle ore 7:07 di questa mattina 4 Giugno 2017, parla di almeno mille feriti di cui 8 in codice rosso.

Alcune persone, che si trovavano all'interno di  alcuni ristoranti, hanno raccontato di aver sentito la gente cercare di entrare con forza all'interno dei locali: "aiutateci - gridavano - in piazza sparano".

Per tutta la notte Torino è stata un via vai di ambulanze, molti feriti sono stati curati sul posto, per altri si è reso necessario il ricovero in ospedale.

I più gravi, come detto, sarebbero 7 o 8, tra questi c'è un bambino che è stato calpestato dalla folla.

Torino si sveglia stamattina sotto shock, la delusione per una partita persa passa in secondo piano, adesso occorre assimilare quanto accaduto e pregare perchè i feriti gravi possano salvarsi.

«Quanto ti è piaciuto questo articolo???» ... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

 

FONTI:

Per il contenuto: Torino Panico in Piazza, Corriere della Sera, 4 giugno 2017

Per l'immagine: Corriere della Sera  

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.

Articolo scritto da:

Carmelo Riccotti La Rocca, il Capo Redattore (leggi la sua biografia).

Partito con 15 in più