TUNISIA SOTTO ATTACCO!Un commando di due terroristi ha assalito due alberghi di Susa (Tunisia) causando vittime e feriti. L'attacco si è dimostrato molto ben preparato ed ha segnato profondamente il popolo tunisino, che si era appena ripreso da un altro attentato, quello del Bardo di tre mesi fa. Non si sono fatte attendere le reazioni internazionali e la comunità islamica si è dissociata dai terroristi. 

Copyright © All Rights Reserved - We-News.com

Un attacco degno di un'operazione militare quello che è andato in scena sulle spiagge di Susa, cittadina a 140 km da Tunisi.

Un terrorista si è mescolato ai turisti nascondendo un kalashnikov sotto un ombrellone e l'altro è arrivato dal mare a bordo di un gommone.

Raffiche di mitra e granate che hanno prodotto almeno 37 morti e 36 feriti, solo che il "nemico" di quest'operazione non erano i soldati avversari, bensì degli inermi turisti, ospiti del resort Imperial Marhaba Hotel e Soviva.

Uno dei terroristi è stato ucciso l'altro, invece, fermato all'ingresso dell'autostrada di Susa.

L'attentatore ucciso dalle forze di sicurezza era uno studente di 23 anni, Seifeddine Rezguera, cittadino tunisino di Kairouan.

Era laureato ed iscritto ad un master, ma frequentava una moschea al di fuori del controllo dello Stato dove, molto probabilmente, è entrato in contatto con le cellule terroristiche che lo hanno addestrato all'operazione di oggi.

A poco più di tre mesi dall'attentato del Bardo, questo, che è il più sanguinoso attentato della storia della Tunisia, è un grave colpo per il Paese, visto che deve molto del suo PIL al turismo.

Il Presidente tunisino Beji Caid Essebsi ha dichiarato che i tunisini pensavano di essere al sicuro e che, purtroppo, la Tunisia si è trovata di fronte ad un'azione internazionale messa a punto dai jihadisti ed alla quale non ha la forza di rispondere da sola ed ha auspicato una forte collaborazione tra gli stati per contrastare il terrorismo.

Anche dall'Unione Europea è arrivato l'invito ad agire uniti contro il terrore.

Federica Mogherini, rappresentante Ue per la politica estera, ha ricordato gli altri attentati di questo venerdì di follia, in Francia e Kuwait ed ha twittato che Europa e mondo arabo, che i terroristi vorrebbero dividere, si stanno invece unendo per rispondere.

Anche le maggiori cariche istituzionali dello Stato italiano dal Presidente del Consiglio Renzi, al ministro dell'Interno Alfano, hanno rilasciato dichiarazioni di vicinanza alle vittime e di pronta risposta al terrorismo ed il Presidente Mattarella ha dichiarato che bisogna alzare l'allerta anche in Italia.

Dall'Inghilterra il premier David Cameron, ha dichiarato che si riunirà il COBRA, il comitato di risposta di emergenza del Regno Unito.

Dall'Egitto arriva invece la dura condanna ai terroristi e la vicinanza al popolo tunisino , aggiungendo che questi attentati non hanno nulla a che fare con l'Islam.

Dello stesso avviso l'associazione Musulmani d'Italia che sulla propria pagina Facebook ufficiale, scrive un post di condoglianze per le vittime di tutti e tre gli attentati della giornata e si riferisce così agli attentatori: "...è appurato che questa gente NON HA NIENTE A CHE FARE CON L'ISLAM E I MUSULMANI chiamateli terroristi,pazzi, folli, come volete, ma non islamici..."

Di diverso avviso il popolo dell'ISIS che in alcuni tweet di organizzazioni vicine al Califfato, augura all'attentatore ucciso dopo la strage di andare in Paradiso.

Non so voi, ma io non credo che persone in grado di uccidere anche i propri fratelli (in Kuwait) nel giorno sacro, in un mese sacro, siano degne di essere chiamate esseri umani e sono convinto che il vero islam sia quello rappresentato dai milioni di fedeli che prega per la pace.

«Quanto ti è piaciuto questo articolo???»
... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.

Log in to comment


Avatar di z_celeste100
z_celeste100 ha risposto alla discussione #810 4 Anni 2 Mesi fa
Sulla spiaggia della strage, ci sono 1000 agenti addetti alla sicurezza dei turisti.

Il ministro degli esteri della Tunisia, ha annunciato l'arresto di complici dei due attentatori, ma non ne ha resa nota, l'identità.

L'attentatore rimasto in vita, si sarebbe addestrato, per questo attentato, insieme agli attentatori del Museo del Bardo, a Tunisi,
che furono gli autori, dell'attentato allo stesso, circa 3 mesi fa.

Vi furono anche, vittime italiane, scese da una nave da crociera, proveniente dall'Italia e avente come tappa, anche Tunisi.





Un saluto
Celeste100


:(
Avatar di Protassio
Protassio ha risposto alla discussione #814 4 Anni 2 Mesi fa
L'errore più grande è ammazzare queste persone. Ho la sensazione che sappiamo ancora troppo poco di dove, come e quando questi si addestrano (tra l'altro su questa della spiaggia in tunisia sembra una azione militare in piena regola.

Quindi quando qualcuno rimane in vita, perchè non si suicida o perchè viene intercettato, diventa in questa fase una fonte indispensabile di informazioni.

Stesso dicasi quando cadono dittature o governi dove troppo spesso i leader vengono lasciati morire sull'onda della ribellione, salvo poi a trovarsi nella ignoranza su come gestire determinate dinamiche.

saluti a tutti
Avatar di z_celeste100
z_celeste100 ha risposto alla discussione #815 4 Anni 2 Mesi fa
Personalmente, penso che chi sia utile, resti in vita, a meno che, qualcuno non ritenga più giusto farlo fuori per motivi personali o perchè si pensa possa danneggiare qualcuno ai piani alti.

Per quanto riguarda, gli ultimi attentati in Tunisia, in Francia, in Quwait, gli attentatori sono tutti vivi, tranne uno dei due che hanno colpito la Tunisia a Sousse, morto durante la sparatoria.



Ciao
Celeste100


:(
Avatar di marchi
marchi ha risposto alla discussione #816 4 Anni 2 Mesi fa
Sono emerse nuove indiscrezioni sulla strage di Sousse: il killer avrebbe preso parte ad un addestramento in Libia, pochi mesi prima dell'attentato. Inoltre Rezgui aveva lavorato in uno dei resort della spiaggia, ecco perchè sapeva bene come muoversi nella struttura. Se si intende per azione "militare" una qualsiasi azione che prevede l'uso di armi da fuoco, allora quella di Sousse certamente lo era, ma il killer è arrivato a bordo di un'utilitaria e una volta messo piede sulla spiaggia ha iniziato a sparare, avendo solo cura di risparmiare i locali e colpire i turisti. Mancano la pianificazione, il rigore di una vera e propria azione militare. Nutro forti dubbi sull'utilità di interrogare uno dei killer del venerdì nero: quello di Sousse vagava per la spiaggia col fucile ciondolante sul fianco, e altro non aspettava che un colpo alla testa che lo elevasse a martire della jihad. Certo non si può parlare di "lupo solitario", ed è senza dubbio un fatto inquietante, che uno studente che eccelleva nell'ambito dell'ingegneria, ballava break dance, ed era da mille angolazioni simile a molitissimi suoi coetanei occidentali, si sia recato un bel giorno in Libia per apprendere l'arte della guerra, e tornato armato di un Kalashnikov, abbia subito applicato la dottrina di cui era imbevuto.
Avatar di z_celeste100
z_celeste100 ha risposto alla discussione #817 4 Anni 2 Mesi fa
Se i killer degli attentati del 26 giugno scorso, rimasti in vita, saranno veramente utili, ai fini delle indagini, lo apprenderemo solo da eventuali notizie in merito.

Tutto sommato, non ritengo così strano che un giovane brillante, si sia arruolato nella jihad.

Anzi, a volte penso proprio, che i terroristi siano persone molto intelligenti e preparate.

Gli ultimi attentati, a mio modesto parere, dimostrano un'azione di coordinamento e organizzazione del fondamentalismo.

Le notizie di giornali e telegiornali riportano inoltre, numerosissimi reclutamenti, avvenuti anche in Italia, da parte dei fondamentalisti, con un'abilità ed una organizzazione sui territori, non da poco.



Un saluto e grazie
Celeste100



:sick: