Strage di Nizza: ecco chi era Mohamed Salmene Lahouaiez Bouhel Il terrorista era un trentunenne tunisino originario di Sousse, ma residente a Nizza già da diversi anni. Era già noto alle forze dell'ordine per furti, violenza ed uso d'armi. Mohamed era solo mentre era alla guida del camion frigorifero. Prima di essere abbattuto, l'uomo avrebbe avuto il tempo di sparare alcuni colpi d'arma da fuoco. Nonostante la fedina penale dalle molte macchie, Bouhlel era del tutto sconosciuto ai servizi anti-terrorismo. Era stato condannato ad una breve pena (con libertà condizionale) per un violento diverbio dovuto ad un incidente stradale. Per tutta la durata, dall'incidente alla condanna, era rimasto in stato di libertà vigilata. 

Copyright © All Rights Reserved - We-News.com

Piccoli furti, uso d'armi e violenza.

Mohamed Bouhlel (31 anni) era certo conosciuto dalle forze dell'ordine per la sua fedina penale tutt'altro che linda, ma non di certo dai servizi di anti-terrorismo. 

In effetti, quello dell'attentatore di Parigi sembra essere il profilo di un criminale di piccolo calibro e non di un terrorista.

Eppure c'era lui alla guida del camion che lo scorso giovedì ha seminato morte e distruzione presso Promenade des Anglais a Nizza.

Tunisino ed in Francia dal 2011, Mohamed Bouhlel guidava camion per professione.

Faceva l'autista per una società di consegne.

Residente a Nizza, abitava presso una casa alla periferia nord della città.

L'abitazione è stata perquisita dagli agenti dell'antiterrorismo.

All'interno della dimora, le forze dell'ordine non hanno trovato alcun elemento che potesse collegare l'uomo a cellule dell'Isis, ma solo pochi oggetti e qualche mobile.

Con lui, qui aveva vissuto anche la moglie, madre dei suoi tre figli, dalla quale Bouhlel stava divorziando.

Anche la donna è stata fermata.

I vicini hanno raccontato che proprio il divorzio aveva segnato profondamente l'uomo.

Chi lo conosceva, lo descrive come una persona depressa, instabile e taciturna.

Mohamed era schiacciato anche da problemi economici.

Una vicina dell'attentatore, durante un'intervista alla nota trasmissione mediaset Quarto Grado ha detto: "Ci guardava storto e non ci apriva mai la porta, francamente non mi sembrava normale. Io ho due figli e quindi sono sempre all'erta. Girava in bicicletta... Andava sempre in giro in bici. Non l'avremmo mai detto. Sempre solo... Era sempre solo".

Bouhlel non era particolarmente religioso, tanto che quest'anno, secondo quanto raccontato da alcuni testimoni, non aveva neanche celebrato per intero il Ramadan.

L'uomo era stato negli ultimi mesi condannato per un violento diverbio dovuto ad un incidente stradale.

Aveva infatti tamponato quattro auto dopo essersi addormentato al volante.

La pena gli era stata sospesa, con l'obbligo di firma.

Gli inquirenti stanno indagando per capire il motivo per cui Bouhlel si sia alla fine radicalizzato in nome dell'Islam.

C'è comunque un aggiornamento importante pervenuto nelle ultime 24 ore: nel computer del terrorista sono state scoperte delle foto che proverebbero il suo legame con l'Isis.

Esse rimandano ad immagini di cadaveri e di miliziani dello stato islamico. 

Ricerche quotidiane e morbose sul Corano e l'Islam.

Che la trasformazione da laico a fanatico religioso sia avvenuta velocemente dunque? La sua è stata una strage molto simile a quella verificatasi nella sua città natale Sousse in Tunisia, il 26 Giugno 2015.

Quel giorno, 39 persone furono uccise sulla spiaggia da un commando di terroristi arrivato dal mare.

 

Fonti:

Quarto Grado: puntata del 15 Luglio 2016

Nizza, nel computer di Mohamed Bouhlel i legami con l'Isis di Raffaella Calandra, articolo pubblicato su Il Sole 24 Ore del il 18 Luglio 2016

«Quanto ti è piaciuto questo articolo???»
... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.

Log in to comment