Vaccinazioni: polemica NY Times/Beppe Grillo
Vaccinazioni: polemica NY Times/Beppe Grillo

Il New York Times, autorevole e prestigioso, ha puntato il dito contro il Movimento 5 Stelle. Secondo NY, la battaglia contro i vaccini di Beppe Grillo e compagni è stata irresponsabile e può comportare danni alla collettività. Il leader politico genovese ha risposto subito: è tutto falso, è una fake-news. Ma il virologo Roberto Burioni testimonia che questa campagna c'è stata, tanto è vero che una proposta di legge del M5S mette in correlazione le vaccinazioni e alcune malattie come ad esempio la leucemia. Chi ha torto e chi ha ragione?

Copyright © All Rights Reserved - We-News.com

Il New York Times ha scelto l'Italia come cartina di tornasole per puntare il dito contro il populismo politico.

A giudizio del sostanzialmente insindacabile quotidiano statunitense, la proliferazione del morbillo è dovuta proprio alle illazioni e al sensazionalismo alla rovescia che è stato fatto dal Movimento Cinque Stelle per sobillare le persone a non vaccinarsi e a non vaccinare.

Quello che sostiene il New York Times è, in soldoni, che il sensazionalismo sul 21 Dicembre 2012 si commenta e si esorcizza da solo, quando invece si insinuano teorie disfattiste nella quotidianità, soprattutto in materia di salute pubblica, allora il problema di allarga a macchia d'olio e diventa particolarmente pesante.

La tesi del quotidiano è che il legame fra vaccinazioni e autismo è assolutamente falso.

Anche e soprattutto per questo, l'Italia non dovrebbe rimanere inerme e insensibile di fronte all'escalation del morbillo, ma dovrebbe al contrario abbattere queste teorie da agitatori, allarmarsi, prendere contromisure e tornare a vaccinarsi come sempre è stato e come sempre è accaduto.

NY non parte accecato lancia in resta contro il M5S che viene accusato di aver cavalcato e rafforzato le teorie anti-vaccini, che erano già nate e già presenti in circolo prima delle proposte di legge del movimento politico di Beppe Grillo.

Ma al di là di questo, ci scrivono da oltreoceano sul più importante quotidiano del mondo, che:

"lo scetticismo delle persone in buona fede contro le vaccinazioni non va incoraggiato ma va combattuto". 

Infatti in merito vi consigliamo di leggere l'articolo intitolato "I vaccini fanno bene o male? - Scandalo di ''Report'' su Rai 3!!!".

Il temerario Beppe Grillo ha deciso di scatenarsi pancia a terra niente meno che contro il New York Times.

Niente, contro di noi non c'è niente, la tesi "genovese". 

Secondo l'ex comico e oggi leader politico solo fake-news, solo balle, solo una falsità di giornata completamente priva di sostanza e destituita di ogni tipo di fondamento.

A quel punto si è messa in moto l'inesorabile macchina del web.

La memoria dell'algoritmo non ha avuto pietà. 

Prima è spuntato un video di Beppe Grillo che già nel 1998, in un suo spettacolo, lamentava la pericolosità dei vaccini e il rischio da loro rappresentato.

Poi è toccato al deputato del Movimento 5 Stelle Taverna essere chiamata in causa per una sua frase del 2015, in cui sosteneva che le vaccinazioni possono provocare l'autismo.

E' naturalmente riesplosa la polemica fra PD e 5 Stelle da sempre in competizione elettorale fra loro, con Matteo Renzi che ha twittato:

"Con la salute non si scherza".

Semmai, aggiungiamo noi, (vedi "L'uso del cellulare porta al tumore!"), i veri problemi sono altri.

Ma tutto è riesploso, quando il virologo Roberto Burioni ha messo in rete una proposta di legge del Movimento grillino del Febbraio 2014, in cui si parte dal presupposto che alcuni studi:

"avevano messo in luce collegamenti fra le vaccinazioni e alcune malattie fra cui la leucemia".

Anche in questo caso, insomma, il New York Times sapeva di cosa stesse scrivendo.

«Quanto ti è piaciuto questo articolo???» ... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

 

FONTI:

Per il contenuto: NYT contro 5 Stelle, repubblica.it, 3 Maggio 2017.

Per l'immagine: www.we-news.com 

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.

Articolo scritto da:

Mauro Suma, il Direttore Responsabile (leggi la sua biografia).

Log in to comment