Bruxselles, uomo con cintura esplosiva in stazione: era un attacco terroristico?
Bruxelles, uomo con cintura esplosiva in stazione: era un attacco terroristico?

Bruxelles: uomo con cintura esplosiva alla stazione: quali erano le sue reali intenzioni? Cosa faceva e chi era l'uomo che voleva farsi esplodere a Bruxelles? Si tratta di un tentato attacco terroristico? Quali conseguenze poteva avere questo gesto? Cosa dice la polizia?  ".

Copyright © All Rights Reserved - We-News.com

Bruxelles: uomo con una cintura esplosiva in stazione scatena il panico.

È successo nel pomeriggio di ieri alla stazione centrale di Bruxelles del luogo simbolo del potere europeo.

Un uomo indossava una cintura esplosiva all'interno della stazione "Le Gare Central" portava con se un normalissimo trolley, ma indossava una cintura esplosiva.

Stando alle prime ricostruzioni si sarebbe sentita una piccola esplosione in una zona non molto affollata della stazione centrale di Bruxelles, una esplosione che comunque avrebbe allarmato tutti i presenti.

Prontamente la stazione  sarebbe stata fatta evacuare e in quel momento a Bruxelles c'erano anche degli studenti italiani in gita scolastica che sarebbero stati bloccati per diverso tempo.

In questo momento il condizionale è d'obbligo dato che si tratta di una notizia diffusa dalle agenzie di stampa da poco, maggiori approfondimenti saranno resi nel corso delle prossime ore.

Quello che al momento sembra essere chiaro è che alla base del gesto ci sia un tentativo di un attentato terroristico fallito.

Un uomo dell'età di circa 35 anni avrebbe urlato la solita frase Allah Akbar e poi si sarebbe fatto esplodere, ma fortunatamente nessun civile, stando alle notizie riportate dall'Ansa, sarebbe rimasto ferito nell'attentato.

L'esplosione sarebbe avvenuta dunque in una zona poco affollata della stazione e questo avrebbe limitato i danni, l'uomo sarebbe morto.

Anche se non vi sono notizie di feriti la notizia fa ripiombare l'Europa nella paura perchè nonostante i controlli serrati delle forze di polizia i terroristi riescono ad entrare nei luoghi simbolo delle città e a minacciare la comunità.

Un attentato in stazione avrebbe potuto provocare decine di morti e feriti, ma fortunatamente ciò non è accaduto.

Tuttavia occorre riflettere sul fatto che i terroristi continuano a seminare terrore quando, dove e come vogliono e appare veramente difficile contrastarli.

L'Europa deve interrogarsi sulla soluzione prospettata da Donald Trump che vuole impedire  l'ingresso negli USA degli immigrati provenienti dai paesi "caldi", ma è davvero la soluzione?

Sul web già firano diversi video sull'evacuazione della stazione Le Gare Central di Bruxelles e, come detto, al momento dell'esplosione c'erano anche degli Italiani

Ecco cosa riporta l'Ansa:

Un gruppo di studenti italiani, provenienti da scuole della provincia di Campobasso e Isernia, dove si trovano in viaggio premio, sono rimasti chiusi per diverso tempo in un ristorante a Bruxelles per motivi di sicurezza, prima di tornare scortati in hotel.

A raccontarlo è la cronista Mariella Spaziano. "Siamo arrivati nel primo pomeriggio e domani abbiamo appuntamento al Parlamento europeo.

Alcuni ragazzi si sono messi a piangere e i genitori sono stati tutti rassicurati telefonicamente. Stiamo bene ma tanta paura"

Insomma, i terroristi riescono sempre a seminare terrore e paura e sembra davvero molto difficile riuscire a fermarli.

Stavolta è andata bene, ma sarebbe potuta essere anche una strage.

Il 35enne ha gridato Allah Akbar e poi sui è sentita  sentita l'esplosione, avvenuta al mezzanino.

L'episodio è trattato come un fallito attentato terroristico.

«Quanto ti è piaciuto questo articolo???» ... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

 

FONTI:

Per il contenuto: Fallito attentato a Bruxelles,  ucciso uomo con cintura esplosiva, Ansa 21 giugno 2017.

Per l'immagine: wikipedia

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.

Articolo scritto da:

Carmelo Riccotti La Rocca, il Capo Redattore (leggi la sua biografia).

Partito con 15 in più

Log in to comment