Arriva pane per i
Arriva pane per i "denti" degli spettri genovesi. 

Il custode della struttura è pronto a giurare che all'interno della nota e prestigiosa villa genovese abbandonata ci siano almeno tre spettri...Sarà...Crediamo ancora ai fantasmi? Ciascuno è libero di farlo,  ma i Ghostbusters non sono solo roba da film e proprio Genova sta per accorgersene. Il riferimento è a Villa Piantelli, esempio di architettura e arte cinquecentesca che sta cadendo davvero in pezzi. Gli esperti la considerano un gioiello, ma i genovesi sono sicuri che sia "la casa degli spiriti", al punto che alcune associazioni di ghostbusters hanno recentemente chiesto l'accesso per esaminarla.

Copyright © All Rights Reserved - We-News.com

Ci sono ancora le paure degli scricchiolii e dei simili nelle antiche ville italiane abbandonate? 

La psicosi dei fantasmi, delle anime senza pace?

Tante domande e la risposta è affermativa in tutti i quattro casi, almeno a Genova e forse non solo a Genova...

Splendida tanto quanto piena di rughe: Villa Musso Piantelli a Genova la chiamano "Casa degli spiriti",  come quelle vecchie ville di una volta che incutevano timore nel buio,  anche a metri e metri di distanza. 

Giorno o notte però a Genova non fa differenza, a Villa Piantelli nessuno osa rimanere da solo di notte né di giorno ed ecco perchè si rischia di veder andare al macero un patrimonio prezioso, con le sue sale con grandi affreschi cinquecenteschi.

Si tratta di un vero e propri esempio della cultura tra fine XVI e primi anni del XVII secolo: lesene e colonne e un ricco repertorio figurativo a grottesche, insomma tutto vero, tutto bello e tutto giusto...

...ma ad un certo punto bisogna fare i conti con i racconti del custode...

L'uomo, Nicola Cardinale, ne parla liberamente e racconta di quando vennero a visitar le stanze "quattro persone, tre ragazzi e una ragazza. Sparirono dentro un affresco e ne riemersero due giorni dopo con abiti d'epoca".

Non solo: "Io da solo qui di notte non ci resto. Nessuno lo fa. Nemmeno quel gruppo di portuali genovesi che nel 1933 si fece chiuder qui dentro per scommessa: sono scappati in modo indecoroso perché i fantasmi li hanno presi a schiaffi".

Il custode ricorda ancora quando sentì camminare di notte in una zona chiesa della villa: "Non era suggestione qualcuno qui camminava. Siamo andati a vedere e non c'era nessuno. Ma dopo poco sentiamo passi che andavano su e giù. Siamo scappati. La villa, erano le 23,30, era chiusa al pubblico".

Non bastavano le maledizioni della città di Torino, adesso anche gli spettri della città di Genova...Sarà che Halloween incombe, ma le associazioni di ghostbusters vogliono davvero venire...

Chissà che non chiariscano i dubbi, che non risolvano la situazione e consentano di portare in salvo, come Genova merita, gli splendidi affreschi di Bernardo Castello e dell'Ansaldo, dei figli di Pantaleo Calvi e Andrea Semino: un ricchissimo repertorio di temi biblici, con soggetti tratti dalle Metamorfosi di Ovidio e dall'Eneide che ornano una davvero splendida sala da ballo,

«Quanto ti è piaciuto questo articolo???» ... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

 

FONTI:

Per il contenuto: Genova, ghostbusters a Villa Piantelli, ansa.it, 27 Ottobre 2017.

Per l'immagine: www.we-news.com 

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.

Articolo scritto da:

Mauro Suma, il Direttore Responsabile (leggi la sua biografia).

Log in to comment