I misteri del giallo di Natale, dopo il ritrovamento del corpo della bella ucraina
I misteri del giallo di Natale, dopo il ritrovamento del corpo della bella ucraina. 

La sua vicenda non è più un caso da Chi l'ha visto? Ormai per Sofiya è arrivato il momento delle indagini post mortem. La bella ucraina è stata trovata cadavere e gli interrogativi si moltiplicano. L’autopsia ha evidenziato la presenza di numerosi traumi sul corpo della 43enne ucraina. A spiegarlo è stato l’anatomopatologo Alberto Furlanetto, il quale ha riscontrato ematomi e lesioni compatibili con colpi portati con un bastone o con calci, ma anche legati alla caduta dalla sommità della scarpata da cui è stato gettato il corpo. Non è escluso che Sofiya sia stata lanciata nel vuoto, quando era ancora viva. Non sono emerse ferite da armi da fuoco o armi da taglio.

Copyright © All Rights Reserved - We-News.com

Passano giorni, ma il caso è ancora tutto avvolto nel mistero.

Cosa è davvero accaduto a Sofiya Melnyk, la donna di Cornuda (Treviso) dopo la conferma dell’identità del cadavere rinvenuto il giorno della vigilia di Natale?

La speranza degli inquirenti è che le prime risposte possano arrivare dagli accertamenti sui pc rinvenuti nell’abitazione nel quale viveva la donna insieme al suo convivente,  Daniel Pascal Albanese.

Il sospetto degli investigatori è proprio quello, che il movente della morte della donna sia da ricercare nelle tre , o quattro?, storie d’amore della vittima.

L'ipotesi delle indagini, a inizio 2018, è che Sofiya sia stata uccisa a botte o a bastonate, per poi essere abbandonata dal killer nel dirupo nel quale è stata ritrovata.

Perchè tutte le ipotesi trovino conferma, bisognerà attendere i risultati della Tac e l’indagine entomologica per valutare il tempo di permanenza del corpo sul luogo in cui è stato rinvenuto. 

La bella ucraina, interprete come sua principale professione, viveva a Cornuda con il compagno Pascal Daniel Albanese, 50 anni, morto suicida undici giorni dopo la sua scomparsa, portandosi nella tomba molti segreti. 

La donna però aveva altre relazioni, come quella con un geologo settantenne, che vive tra Reggio, Modena e Rimini, che è stato proprio lui a dare l’allarme.

Ultimamente però era scoppiata passione vera fra Sofiya e un medico radiologo di origini siciliane, dipendente di una struttura pubblica in provincia di Treviso, una passione attraverso la quale l’affascinante ucraina voleva mettere fine alla sua disordinata vita sentimentale.

La ricerca di un rapporto esclusivo con il medico stride però con le ultime rilevazioni, e cioè che nella vita di Sofiya Melnyk, la 43enne ucraina scomparsa il 15 novembre scorso da Cornuda, sarebbe spuntato un quarto uomo, un imprenditore della zona trevigiana, con cui la donna era solita pranzare in un ristorante di Casella d’Asolo.

Giulia Marcon, criminologa e psicologa, ha dichiarato: "La tesi che sta prendendo quota è che il suicidio di Pascal sia una confessione: mi uccido per il senso di colpa. Ho compiuto qualcosa di orribile. Ha una sua plausibilità ma non può far tralasciare un’altra ipotesi".

E cioè: "Pascal si uccide perché senza Sofiya la sua vita non vale niente. Perché il rifiuto di Sofiya equivale all’auto negazione. Ma magari Pascal ha più intrecci di quelli che noi immaginiamo con gli altri uomini della vita i Sofiya".

«Quanto ti è piaciuto questo articolo???» ... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

 

FONTI:

Per il contenuto: Giallo Cornuda, il movente dell’omicidio di Sofiya si nasconde nei pc? Dubbi sui veri motivi del suicidio di Pascal, velvetnews.it, 2 Dicembre 2018.

Per l'immagine: www.we-news.com 

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.

Articolo scritto da:

Mauro Suma, il Direttore Responsabile (leggi la sua biografia).

Log in to comment