La Partita Iva online: i costi e le modalità, ma anche le difficoltà...
La Partita Iva online: i costi e le modalità, ma anche le difficoltà... 

La semplificazione in Italia esiste davvero? E' davvero possibile aprire la partita Iva online? E che si fa quando sul sito dell'Agenzia delle Entrate la pagina di riferimento non è più raggiungibile? Insomma non deve essere poi così tanto semplice, se nelle città italiane spuntano spesso seminari e convegni con dottori commercialisti allo scopo di dare consigli sulle partite Iva a coloro che intendono passare alla libera professione. Fino a che tasse e normative saranno sostanzialmente ostili al mondo delle partite Iva, difficilmente potrà esserci una vera e propria ripresa nel Paese.

Copyright © All Rights Reserved - We-News.com

Come aprire una partita Iva Online nel 2018? E quanto costa?

Sono molti i neo imprenditori che si pongono questa domanda, prima di decidere di fare il grande passo di mettersi in proprio e lasciare definitivamente il lavoro da dipendente.

Rispetto al passato dove per aprire una partita Iva erano necessari tantissimi step da effettuare, oggi grazie all’evoluzione della tecnologia è possibile richiedere l’apertura della propria partita IVA direttamente online, grazie alla piattaforma telematica dell’Agenzia delle Entrate.

Quando la pagina è raggiungibile naturalmente...

Secondo l’articolo 5 DPR 633/72 un lavoratore autonomo è obbligato ad avere una partita IVA quando svolge un’attività autonoma in maniera abituale e professionale, anche se questa attività lavorativa è svolta in modo non esclusivo o continuativo.

Aprire una partita IVA nel 2018 è davvero molto semplice ma sopratutto gratuito: è possibile richiedere l’apertura della propria partita IVA direttamente online, recandosi sul sito web dell’Agenzia delle Entrate e compilare il modello di inizio attività ossia il modello AA9/12 e il modello AA7/10.

Ci sono altre strade in Italia per aprire una partita Iva, se il rapporto con i file e il mouse non è dei migliori per un aspirante imprenditore?

Registrarsi su Fiscoonline è tra le cose che vanno fatte, ma in alternativa, è possibile chiedere direttamente ad un commercialista l’apertura della propria partita Iva stessa.

Una volta svolte e terminate le procedure, i tempi di assegnazione della partita IVA sono molto veloci, poichè l’Agenzia delle Entrate rilascerà il numero della Partita Iva direttamente tramite PEC (Posta Elettronica Certificata).

Le modalità per aprire una partita Iva cambiano a seconda dell’attività produttiva: se si tratta di un libero professionista le modalità sono quelle elencate in precedenza, mentre se l’apertura della Partita Iva riguarda una ditta Individuale oppure un’altra tipologia di azienda, dovrà essere effettuata tramite comunicazione unica e quindi da un professionista del settore.

I costi variano a seconda dell’attività produttiva che si intende svolgere, ad esempio per un libero professionista l’apertura della partita IVA è totalmente gratuita.

Se invece bisogna iscrivere la propria ditta presso la Camera di Commercio, si aggiunge il costo dei diritti camerali, ossia bollo e segreteria che variano a seconda del codice Etico scelto: per un’impresa artigiana ammontano a euro 35,50.

«Quanto ti è piaciuto questo articolo???» ... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

 

FONTI:

Per il contenuto: Come aprire partita IVA Online: Costi e modalità nel 2018, lavoroediritti.com, 6 aprile 2018

Per l'immagine: www.we-news.com 

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.

Articolo scritto da:

Mauro Suma, il Direttore Responsabile (leggi la sua biografia).

Log in to comment