le immagini degli scontri avvenuti prima del match Roma - Liverpool
Le immagini degli scontri avvenuti prima del match Liverpool-Roma. 

Il supporter inglese Sean Cox, vittima di una brutale aggressione da parte di due ultras romanisti, è ora in coma con danni cerebrali, rispetto ai quali anche sua moglie si è ormai arresa. Sono stati arrestati i due aggressori, hanno rispettivamente 21 e 28 anni. La Uefa: "Siamo scioccati, ci saranno sanzioni pesantissime". La Roma come club calcistico rischia davvero, sia il blocco delle trasferte che forti multe. E quando ci sarà il ritorno a Roma, preoccupa già l'arrivo degli hooligans vendicatori.

Copyright © All Rights Reserved - We-News.com

Due tifosi della Roma sono stati arrestati dopo l’incontro di martedì con il Liverpool: i due, rispettivamente di 21 e 28 anni, si erano resi protagonisti di una brutale aggressione nel confronti di un tifoso inglese di 53 anni, finito poi in coma.

Oltre a loro sono stati fermati anche altri 4 tifosi giallorossi per reati vari, ma è la Roma ora a rischiare grosso, l’Uefa ha infatti annunciato provvedimenti severissimi.

Gli aggressori sono stati individuati dalla polizia tramite la visione di alcuni filmati girati nelle vicinanze dello stadio.

I poliziotti britannici erano stati avvisati dagli agenti della Digos riguardo la presenza in città di un gruppo di circa 40 tifosi appartenenti al gruppo dei “Fedayn”, uno dei più accesi della tifoseria romanista.

Evidentemente l’allarme lanciato dalle forze dell’ordine italiane è stato sottovalutato dai colleghi inglesi, visto che il gruppo di facinorosi è arrivato facilmente sotto la “Kop”, il cuore del tifo del Liverpool.

Proprio lì sono cominciati gli scontri, ed è lì che Filippo Lombardi e Daniele Sciusco, hanno aggredito brutalmente Sean Cox, che ora si trova in coma, con la Roma che ora trema, in attesa di una possibile stangata da parte dell'Uefa, la quale ha già annunciato che verranno presi seri provvedimenti in seguito agli scontri di Liverpool: “Siamo profondamente scioccati per il vile attacco, saranno presi provvedimenti severissimi”, queste le parole dell'Uefa diffuse tramite un comunicato.

La Roma rischia di dover giocare le prossime gare internazionali a porte chiuse, ma non è escluso che le misure adottate possano essere ben più severe, e che si possa arrivare ad una squalifica, considerando la gravità dei fatti.

Secondo gli investigatori si è trattato di un attacco premeditato, visto che le autorità britanniche erano state avvisate della presenza di alcuni esponenti della frangia più estrema del tifo giallorosso, i quali si stavano radunando nei pressi dell’area portuale, una zona che ospita diversi pub.

Il corteo prendeva dunque sempre più corpo man mano che procedeva verso la “Kop”, arrivando a contare tra le sue fila circa 200 ultras, tra cui esponenti dei gruppi Boys, Romanismo, e Nord Alta.

I Fedayn sarebbero partiti dalla stazione di Manchester, arrivando alla stazione di Liverpool, distante solamente tre chilometri dallo stadio di Anfield.

Sean Cox si trovava in compagnia del fratello ed era in attesa di entrare nello stadio, quando improvvisamente sono arrivati i due ultras, che lo hanno violentemente colpito alla testa: l’uomo si è accasciato e le sue condizioni sono subito apparse critiche.

Trasportato all’ospedale neurologico “Walter Hall”, i medici hanno riscontrato danni cerebrali molto gravi, tanto che secondo alcune fonti la moglie sta prendendo in considerazione l’ipotesi di “lasciarlo andare”.

«Quanto ti è piaciuto questo articolo???» ... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

 

FONTI:

Per il contenuto: QUI SCRIVI IL TITOLO DELL'ARTICOLO, IL SITO CHE LO OSPITA, L'AUTORE E LA DATA.

Per l'immagine: www.we-news.com 

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.

Vittorio Bottillo

Log in to comment