Abbigliamento: dacci oggi il nostro veleno quotidiano
Abbigliamento: dacci oggi il nostro veleno quotidiano. 

Formaldeide, parabeni, ammine aromatiche. Sostanze poco note al grande pubblico, ma dannose per la salute, che rischiano di essere compagne occulte dei più semplici gesti quotidiani o di abitudini sempre più in voga, come vestirsi o tatuarsi. Lo racconta lo speciale di Sky TG24 HD Veleni Quotidiani, in onda il 7 maggio alle 20.20 (e in replica alle 23,15 e alle 14.15 di martedì) sui canali 100 e 500 di Sky e sul canale 50 del digitale terrestre e disponibile su Sky On Demand. Con il direttore Sarah Varetto, lo speciale svela i rischi per la salute che si nascondono negli oggetti e prodotti che ogni giorno ci portiamo addosso.

Copyright © All Rights Reserved - We-News.com

Guardiamoci attorno? Non solo...guardiamoci e tocchiamoci addosso...

Quotidianamente, ma non lo sappiamo, entriamo in contatto con sostanze o oggetti che possono danneggiare il nostro organismo, provocandoci patologie più o meno severe: allergie e dermatiti ma anche, nei casi più gravi, tumori.

Lo speciale "Veleni Quotidiani" di Sky TG24 prova a capire come questo possa accadere, tra dubbi della scienza, poca chiarezza nei sistemi di etichettatura, scarsa informazione dei consumatori, mancati controlli sui prodotti importati e norme lacunose, che consentono l’utilizzo, talvolta anche in modo anche legale, di composti riconosciuti come tossici.

Ma in tutto questo è possibile proteggersi davvero?

Nei vestiti possono ad esempio trovarsi sostanze pericolose come ammine aromatiche, ftalati, formaldeide: vietate o sconsigliate dalle Ue, possono essere usate nei prodotti importati, su cui esistono scarsi controlli.

Anche le tinture per capelli possono nascondere insidie, pure quando riteniamo siano meno aggressive, come nel caso di quelle senza ammoniaca: questo composto viene spesso sostituito con la monoetanolammina, molecola priva di cattivo odore ma più tossica della precedente.

I pericoli possono nascondersi anche in tatuaggi e cosmetici: gli inchiostri possono contenere sostanze cancerogene e metalli pesanti come cadmio, piombo, cobalto, e nichel, che è anche un potente allergene, mentre invece nei prodotti di bellezza, soprattutto di origine extraeuropea,  possono trovarsi elementi tossici già da tempo vietati nella Unione Europea.

Insomma Veleni Quotidiani è in onda da lunedì 7 maggio alle 20.20 sui canali 100 e 500 di Sky e sul canale 50 del digitale terrestre.

I telespettatori impareranno loro malgrado a familiarizzare con formaldeide, parabeni, ammine aromatiche, sostanze poco note ai consumatori e potenzialmente dannose per la salute, che rischiano di essere compagne occulte dei più semplici gesti quotidiani o di abitudini sempre più in voga, come vestirsi o tatuarsi.

Lo speciale, a cura di Alessandro Marenzi e Andrea Bignami, con i reportage realizzati da Paola Baruffi, Luigi Casillo, Laura Ceccherini, Chiara Piotto e Ketty Riga, svela i rischi per la salute che si nascondono negli oggetti e prodotti che ogni giorno ci portiamo addosso.

Dai vestiti ai cosmetici, dalle tinture per capelli ai pigmenti per i tatuaggi, fino ai cellulari con le loro radiofrequenze, è così che il nostro organismo ogni giorno è sotto assedio.

E' cosa buona e giusta?

Sapremo essere sempre più vigili?

«Quanto ti è piaciuto questo articolo???» ... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

 

FONTI:

Per il contenuto: Quali sono gli oggetti tossici che tocchiamo ogni giorno?, famigliacristiana.it, Eugenio Arcidiacono, 6 maggio 2018.

Per l'immagine: www.we-news.com 

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.

Articolo scritto da:

Mauro Suma, il Direttore Responsabile (leggi la sua biografia).

Log in to comment