Il processo a Corona: urla e accuse
Il processo a Corona: urla e accuse. 

Fabrizio Corona nuovamente in tribunale. Questa volta per quei 1,7 milioni di euro, trovati nel controsoffitto della casa della sua collaboratrice Francesca Persi e anche in due cassette di sicurezza in Austria. In primo grado, a giugno del 2017, era stato condannato a un anno per reati fiscali legati al mancato pagamento delle tasse da parte della sua società Atena, ma era stato assolto dalle accuse di intestazione fittizia dei beni. All’ingresso del Palazzo di Giustizia, il fotografo ha sfogato la sua rabbia ai cronisti che lo hanno intercettato: "Sono sereno, questo appello è vergognoso e ve lo dimostrerò. Nell'appello ci sono bugie e falsità querelabili".

Copyright © All Rights Reserved - We-News.com

Nell'aula del Tribunale di Milano, è andato in scena lo show di inizio giugno 2018 da parte di Fabrizio Corona al processo d’appello per i soldi celati nel controsoffitto della casa della sua collaboratrice Francesca Persi.

Questa volta il chiacchieratissimo Corona ha deciso di prendersela direttamente con le accuse della magistratura.

Forte anche del fatto di avere al suo fianco ancora Silvia Provvedi, l’ex fidanzata che tanto ex evidentemente non è…visto che Fabrizio Corona e Silvia Provvedi, lo dimostrano i loro baci in pubblico, stanno ancora insieme.

Dopo essere uscito di prigione nel mese di febbraio, l’ex agente fotografico è subito tornato ad occupare le pagine delle cronache, prima parcheggiando l’auto in un’area pedonale, poi sfiorando una rissa davanti ad una discoteca milanese.

Nonostante tutto questo, di recente gli è stato consentito di tornare a parlare in pubblico e di utilizzare nuovamente i social

Il procuratore generale Maria Pia Gualtieri ha chiesto non solo la riapertura del dibattimento per sentire due testi, ma la condanna a due anni e nove mesi per tutti i reati che gli erano stati contestati dalla Procura, a partire dall’intestazione fittizia dei beni.

Parole che hanno scatenato alcuni gesti di nervosismo da parte di Corona e un successivo battibecco in aula quando ha sbottato: "La legge la conosco bene io, ci vuole onestà intellettuale".

E' stata proprio quella la circostanza in cui il pg ha risposto mantenendo la calma: "Corona non butti al vento il suo percorso di recupero con queste dichiarazioni".

A quel punto però si è reso necessario l'intervento del presidente del collegio, Guido Brambilla: "Basta, la smettiamo, lasciamo concludere il pg".

Fuori dall’aula lo show dell’ex agente fotografico è proseguito con i cronisti che erano in attesa proprio per lui.

Non a caso Corona, riferendosi al pg, ha detto: "Non ha capito nulla, anzi ringrazio il pg perché non ha capito nulla, io non solo so il diritto, io glielo insegno, l’impugnazione della Procura è inammissibile, nel processo abbiamo sentito già 60 testimoni, chiedere 2 anni e 9 mesi ora è vergognoso, non ha capito un c…".

«Quanto ti è piaciuto questo articolo???» ... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

 

FONTI:

Per il contenuto: Fabrizio Corona, show in tribunale: “Io mi difendo da solo”. E Silvia Provvedi torna al suo fianco…, oggi.it, 6 giugno 2018.

Per l'immagine: www.we-news.com 

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.

Articolo scritto da:

Mauro Suma, il Direttore Responsabile (leggi la sua biografia).

Log in to comment