Negozi che chiudono: Prina, una brutta botta per Milano
Negozi che chiudono: Prina, una brutta botta per Milano

Quelli di fine giugno sono gli ultimi giorni di vita di Prina. Lo storico negozio di strumenti musicali in Corso di Porta Ticinese 3 a Milano, infatti, chiude. L'annuncio era stato reso pubblico nelle scorse settimane dalla pagina Facebook ufficiale dello store, con un post: "Carissimi amici e clienti, dopo tanti, tanti anni abbiamo deciso di chiudere l'attività e salutarvi. Speriamo di avervi lasciato la nostra passione per la musica e tanti bei ricordi. Passate a trovarci nei prossimi mesi (avete tempo fino al 30 giugno) per gli ultimi saluti". Un punto di riferimento in meno per la città di Milano, non solo un negozio che chiude. 

Copyright © All Rights Reserved - We-News.com

Ogni giorno, in Italia, chiudono due negozi.

E se uno dei due è Prina, si può versare una lacrimuccia?

Prina è stato un pezzo di storia della musica milanese e lo sarà ancora per poco, purtroppo, ancora fino al 30 giugno: Prina, il tempio delle chitarre, chiude i battenti.

La notizia è comparsa sul profilo Facebook del negozio: "Dopo tanti, tanti, tanti anni abbiamo deciso di chiudere l’attività e di salutarvi. Speriamo di avervi lasciato la nostra passione per la musica e tanti bei ricordi".

Una brutta notizia per tutti i musicisti milanesi e non solo, visto che Paola Prina, la titolare del negozio, ha deciso di affittare il negozio a un grande marchio che con la musica non c’entra nulla: "Perché mollo? Ho quasi 70 anni e mia figlia Elisa ha preso un’altra strada lavorativa".

Addio Carrobbio allora, dopo tre generazioni, da quel 1934 in cui la nonna di Paola, Giulietta Prina, aveva aperto un negozio di prodotti elettrici proprio lì, al Ticinese. 

Era stata la mamma di Paola, Piera Prina, a dare al negozio una vocazione musicale: "Mia mamma Piera era una maestra di pianoforte, è stata lei a creare il negozio di strumenti musicali, sessant’anni fa".

È il momento dei ricordi nel negozio milanese di corso di Porta Ticinese, tanto che da Prina sono passati i più grandi musicisti italiani, un lungo elenco che comprende Eugenio Finardi, Edoardo Bennato, Gianna Nannini, Alex Britti.

Tra i clienti e gli amici di Prina ci sono Ricky Gianco, Caterina Caselli, Franco Mussida della Pfm, Mauro Pagani, I Camaleonti, Franco Battiato, Giorgia, Biagio Antonacci, ma anche Larry Carlton e John Abercrombie.

Per il periodo dei saluti Paola Prina ha organizzato una serie di incontri, con concerti e aperitivi per tutti i clienti. 

Fino al 30 giugno sono previsti prezzi scontati per gli strumenti musicali e per l’attrezzatura a chi passerà a salutare la signora Paola e il suo staff.

È solo una coincidenza, ma la notizia della chiusura di Prina arriva pochi giorni dopo l’annuncio del (quasi) fallimento della Gibson, la storica marca americana di chitarre elettriche. 

«Quanto ti è piaciuto questo articolo???» ... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

 

FONTI:

Per il contenuto: Addio al tempio delle chitarre: Prina in Ticinese chiude dopo 60 anni di storia, ilgiorno.it, Massimiliano Mingoia, 27 giugno 2018.

Per l'immagine: www.we-news.com 

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.

Articolo scritto da:

Mauro Suma, il Direttore Responsabile (leggi la sua biografia).

Log in to comment