Crescenzio Sepe collabora con lo stato italianoMentre il Cardinal Crescenzio Sepe ha affermato che collaborerà appieno con i magistrati e si dice sereno e sicuro che sarà fatta chiarezza sul suo coinvolgimento nella indagini sull cricca di "appaltopoli", anche il Vaticano rilascia dichiarazioni sul caso.

La Santa Sede infatti ha dichiarato, attraverso il portavoce della stampa vaticana, che auspica una soluzione rapida e veritiera del caso, affinchè non siano gettate nuove ombre su figure ecclesiali.

Padre Lombardi, portavoce vaticano, ha tenuto a precisare però che è necessario tener conto anche di tutti quegli aspetti procedurali e giudiziari che coinvolgono Stato Italiano e Vaticano, sanciti dal Trattato Lateranense del 1929 e dal successivo Concordato del 1984.

E' necessaria quindi un stretta collaborazione tra Italia e Santa Sede, ma pur sempre nel rispetto del diritto e della sovranità vaticana.

La Santa Sede vuole evitare incidenti diplomatici con lo Stato Italiano, un pò come avvenne nel 1982 quando si rifiutò di collaborare con i magistrati italiani riguardo le indagini sulla IOR, la banca vaticana, e di un suo coinvolgimento nella bancarotta fraudolenta del Banco Ambrosiano.

Written by Antonio Gattulli...published by Manager_Alessandro Bechis

«Quanto ti è piaciuto questo articolo???»
... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.