FINANZIARIA DURA IN INGHILTERRASeguendo una tradizione ed un rito ormai onsolidati, il Cancelliere dello Scacchiere (titolo che equivale al nostro ministro delle Finanze) George Osborne ha presentato al Parlamento di Londra la manovra finanziaria che sarà composta per un 77% di tagli alle spese e per il restante 23% di nuove entrate.

Il Primo Ministro David Cameron ha dichiarato che si tratta della manovra più dura da 60 anni in qua, il Cancelliere, più addentro alle cose, l'ha definito un «bilancio d'emergenza».

Le previsioni contenute nel documento sono spalmate su più anni: per quanto riguarda la crescita del P.I.L. ad esempio, si prevede per quest'anno un aumento dell'1,2%, per tornare sopra il 2% già l'anno prossimo e negli anni successivi.

Il deficit, invece, ci si preoccupa di stabilizzarlo al 10,1% sul PIL per quest'anno, dovrà calare all'1,1% entro il 2015.

I tagli interesseranno nei prossimi 5 anni essenzialmente tutti i comparti della spesa sociale ad eccezione della Sanità: meno aiuti verranno corrisposti alle famiglie, saranno bloccati gli stipendi dei funzionari pubblici, e tutti i ministeri dovranno risparmiare da qui al 2015 un quarto del loro budget.

Per quanto riguarda le entrate, è fissato un innalzamento dell'IVA al 20% (+2,5%), una stangata del 10% in più sul "capital Gain" interesserà i contribuenti con più capacità fiscale e sarà introdotta la tassa sulle banche decisa a Bruxelles.

Come accade in tutte le latitudini, i Governi appena entrati in carica rovesciano le responsabilità su chi li ha preceduti: «Abbiamo ereditato il peggior deficit di bilancio d’Europa e oggi la paura sulla sostenibilità dei bilanci pubblici è il peggior pericolo che grava sulle economie europee!», ha infatti detto George Osborne durante la sua audizione.

L'unica buona notizia che arriva dalla Camera dei Comuni è un alleggerimento delle imposte sulle imprese, al fine di aiutare un crescita economica che anche qui stenta a verificarsi.

In attesa di buone notizie provenienti dal Sudafrica, tocca accontentarsi!

Written by Simone Muti...published by Manager_Alessandro Bechis

«Quanto ti è piaciuto questo articolo???»
... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.