Uccisione di Marta Russo - Assassini e società civile: il limite del reinserimento

Di più
4 Anni 6 Giorni fa #935 da admingat
admingat ha creato la discussione Uccisione di Marta Russo - Assassini e società civile: il limite del reinserimen

Assassini e società civile: il limite del reinserimento.Molti ricorderanno Marta Russo, uccisa a colpi di pistola mentre era in giro nei cortili dell'Università La Sapienza in Roma. Un episodio talmente assurdo da essere ai limiti del surreale. Giovanni Scattone, all'epoca assistente di Filosofia del Diritto, fu condannato insieme a Salvatore Ferraro. Il tragico evento risale al 9 maggio del 1997, la sentenza al 7 febbraio del 2001. Dopo aver scontati 5 anni e 4 mesi di una pena per molti comprensibilmente risibile, Scattone ha intrapreso il percorso per la carriera dell'insegnamento. Nel 2011 ha ottenuta una supplenza al liceo Cavour e da quest'anno ha la cattedra di psicologia al Luigi Einaudi, tutto e sempre a Roma. Avete capito bene: PSI-CO-LO-GIA.

Copyright © All Rights Reserved - We-News.com

Leggi tutto...
Ringraziano per il messaggio: z_celeste100, Llogan

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
4 Anni 5 Giorni fa - 4 Anni 5 Giorni fa #936 da z_celeste100
z_celeste100 ha risposto alla discussione Uccisione di Marta Russo - Assassini e società civile: il limite del reinserimen
E' di oggi, 10 settembre,
la notizia, che Scattone, intende rinunciare alla cattedra di psicologia, presso l'Istituto Einaudi di Roma!

Lo stesso Scattone, avrebbe testualmente dichiarato:-La MIA COSCIENZA, mi dice che POTREI ACCETTARE, ma la MANCANZA DI TRANQUILLITA' che mi pervade, mi IMPEDISCE DI ACCETTARE!!!-

Sarebbe dunque, la mancanza di tranquillità, e non una presa di coscienza da parte sua, che avrebbe impedito a Scattone l'accettazione della cattedra.

In pratica, il messaggio è chiaro: la colpa della mancanza di accettazione da parte sua della cattedra, sarebbe colpa degli altri, la sua coscienza invece, sarebbe a posto!!!

Più che giusto il commento del rifiuto, da parte della madre di Marta Russo:-Sono felice, che degli studenti, non abbiano come educatore, una persona inadatta al ruolo!-



Un saluto a tutti
Celeste100




:S
Ultima modifica: 4 Anni 5 Giorni fa da z_celeste100. Motivo: aggiunta
Ringraziano per il messaggio: Llogan

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
4 Anni 3 Giorni fa #937 da systhemes
systhemes ha risposto alla discussione Uccisione di Marta Russo - Assassini e società civile: il limite del reinserimen
In merito a questa vicenda ho avuto modo di ascoltare diversi legali, tra i quali quello di Giovanni Scattone. Ne fanno una questione di applicazione della sentenza ma questa non è affatto in discussione. Mi spiego: la sentenza non ha stabilito l'interdizione dai pubblici uffici. Molto bene: infatti il condannato, espiata la pena, ha potuto "vincere" una cattedra, dopo aver già peraltro insegnato negli anni scorsi.
Come detto, giova ribadirlo, non è in discussione l'applicazione della sentenza, che è piena, ma la questione di OPPORTUNITA'. Quest'ultimo aspetto, checché ne bofonchino gli avvocati, è importantissimo, soprattutto in un Paese come il nostro che ha tanto bisogno di un "giro educativo" nuovo, di recuperare valori, equilibrio e buon senso.
Ringraziano per il messaggio: z_celeste100

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
3 Anni 11 Mesi fa #968 da z_celeste100
z_celeste100 ha risposto alla discussione Uccisione di Marta Russo - Assassini e società civile: il limite del reinserimen
Giusto rispettare le sentenze,

ma essendo dotata di capacità critica, a mio modesto parere, questa non è una sentenza che rispetta gli aspetti socio-educativi, sui quali, una società civile, deve fare leva!

Mi metto nei panni di quei genitori, che avrebbero saputo, che i loro figli, avrebbero avuto come docente, un insegnante, il quale si è macchiato di un crimine orrendo come l'omicidio, e per di più, proprio all'interno di un luogo educativo, come l'università!

Le polemiche e le proteste, all'interno di una simile situazione, sono inevitabili, ed il fatto che la sentenza, non abbia interdetto Scattone dai pubblici uffici, non serve a dissolvere le stesse!

Abbiamo perso, a mio avviso, un'occasione, per dimostrare la civiltà e l'etica del nostro paese!





Un saluto
Celeste100


:dry:

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Tempo creazione pagina: 0.254 secondi
Powered by Forum Kunena