LA ''LEGITTIMA DIFESA'' DIVIDE LE FORZE POLITICHE

Di più
3 Anni 4 Mesi fa #1284 da admingat
admingat ha creato la discussione LA ''LEGITTIMA DIFESA'' DIVIDE LE FORZE POLITICHE

Ormai tutte le città mettono al primo posto il problema della sicurezza dei cittadini. Anche in quelle che fino a poco tempo fa erano vivibili, dove la criminalità spicciola era circoscritta a certe zone che sì, erano considerate tabù, off limits, ma di cui la gente poteva anche fare a meno. Oggi le cose sono cambiate: ovunque, città grandi o piccole, paesi con poche anime, agglomerati urbani di qualsiasi specie sono alla mercé della delinquenza comune che entra nelle abitazioni, anche con all'interno le famiglie, e mettono tutto a soqquadro per ricavare tutto ciò che ha un valore economico. E se non trovano nulla se la prendono con il mobilio.

Copyright © All Rights Reserved - We-News.com

Leggi tutto...
Ringraziano per il messaggio: z_celeste100

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
3 Anni 4 Mesi fa #1285 da Gi.An.
Gi.An. ha risposto alla discussione LA ''LEGITTIMA DIFESA'' DIVIDE LE FORZE POLITICHE
Il Partito democratico scavalca “a destra” la Lega. Malgrado quest’ultima tenti di “mantenere le distanze” in tema di sicurezza, proponendo di rafforzare ulteriormente, rispetto alla normativa attuale, la legittima difesa all’interno della propria abitazione o di altro luogo di privata dimora, e non lesina critiche di fronte al rinvio commissione del relativo ddl, “bollato” come “melina parlamentare” va ricordato che, mentre oggi, attraverso l’emendamento Ermini, i democratici legittimano la reazione della vittima in caso di “grave turbamento, nel non troppo lontano 2006, quando fu approvata, da una maggioranza di centrodestra, la legge 13 febbraio 2006 n. 59, che modificando l’art. 52 del codice penale stabiliva, entro certi limiti, nel caso di furto in abitazione, una presunzione assoluta di proporzione fra difesa e offesa, la Sinistra ha contestato duramente riforma. E’ il “Far West”, gridavano dai banchi dell’opposizione i parlamentari della vecchia “Unione”, di cui faceva parte anche l’IDV, che adesso invece sta raccogliendo le firme per una legge di iniziativa popolare per introdurre “Misure urgenti per la massima tutela del domicilio e per la difesa legittima”. Incoerenza? Probabilmente è il destino a cui nessun uomo politico può sfuggire. Diceva Talleyrand: “non sono cambiato io, sono cambiati i tempi”. Piuttosto, è preoccupante la tendenza a privatizzare, oltre la Sanità, la Scuola, la Giustizia, anche la sicurezza, ma forse anche questo è un segno dei tempi…..
Ringraziano per il messaggio: z_celeste100, ludwig

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
3 Anni 4 Mesi fa #1286 da ludwig
ludwig ha risposto alla discussione LA ''LEGITTIMA DIFESA'' DIVIDE LE FORZE POLITICHE
Sono d'accordo con lei che i tempi stanno cambiando. Anche se i tempi cambiano di pari passo con il cambiamento dei politici che, a loro volta, cambiano la politica. Secondo il mio parere i governi e i politici cambiano in funzione degli umori degli elettori, poiché ci sono sempre stati problemi con la legittima difesa, e ultimamente i magistrati stanno esagerando colpendo i cittadini invece che i delinquenti. Oggi sono tutelati i malviventi, gli extracomunitari che delinquono, perfino le badanti, mentre l'italiano è passato in secondo piano. Mi chiedo il perché, ma non ho nessuna risposta da darmi. Sappiamo bene che ogni medaglia ha il suo rovescio: ora, se si autorizza il cittadino a difendere se stesso, la propria famiglia e la propria abitazione, probabilmente ci sarà un aumento di acquisto di armi e magari un aumento di morti ammazzati che entrano in casa della gente comune. D'altro canto sapendo cosa li aspetta, forse le incursioni in casa altrui potrebbero anche diminuire essendo coscienti di cosa li può aspettare. Ma potrebbe anche succedere che i malviventi si armino anch'essi e quindi andrebbero verso uno scontro a fuoco. Insomma, qual è la strada giusta? Personalmente, senza essere coerente con la mia eventuale idea politica, sono maggiormente d'accordo con la liberalizzazione della legittima difesa, sperando che i delinquenti si ravvedano e vadano a fare danni altrove, lasciando in pace le famiglie. La posizione del Pd secondo me è equivoca, manca di chiarezza: la reazione della vittima è legittima quando la vittima è sotto un 'grave turbamento'. Ciò significa tutto e niente. Chi lo stabilisce se un soggetto è in grave turbamento? E comunque credo che chiunque si ritrovi con estranei minacciosi in casa propria, sia soggetto a 'grave turbamento', poiché mi torna male immaginare il malcapitato che prepara il caffè mentre qualcuno sta rovistando la sua casa.
Ringraziano per il messaggio: z_celeste100, Gi.An.

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
3 Anni 1 Mese fa #1376 da Antonietta Zazzara
Antonietta Zazzara ha risposto alla discussione LA ''LEGITTIMA DIFESA'' DIVIDE LE FORZE POLITICHE
Si tratta di una questione molto delicata e in parte mi associo a quello che dice Ludwig. Purtroppo sono tanti i casi di furti e di aggressioni, da parte di cittadini extracomunitari e non, all'interno di abitazioni e anche di negozi: penso al furto all'interno di una tabaccheria avvenuto qualche mese fa a Roma, il malvivente era armato di pistola e durante la rapina si è ferito da solo ad una gamba, dopo che gli è partito un colpo per sbaglio. Il rapinatore, gambizzato, ha premuto di nuovo il grilletto verso il tabaccaio, ma per fortuna era scarica e non è riuscito a colpirlo come voleva. Si è fatto consegnare con le minacce 1500 euro in contanti, ma il tabaccaio lo ha rincorso e c'è stata una colluttazione e infine sono intervenuti i carabinieri ad arrestare il delinquente.
Quello che descrivo è uno scenario da fa west e se il malvivente non si fosse gambizzato per sbaglio, avrebbe sparato al commerciante e sarebbe andata molto peggio. Non è bello che si faccia uso libero di armi, ma chi ha un'attività commerciale rischia quotidianamente di subire furti e di essere aggredito, per cui una buona soluzione potrebbe essere concedere l'uso di armi innocue, ma efficaci, come la taser, ovvero una pistola elettrica che emette scosse in grado di immobilizzare e stordire l'aggressore senza ammazzarlo.
In Italia non è legale, ma credo che sarebbe giusto concedere l'uso sia alla polizia che ai privati, così non muore nessuno e ci si difende meglio. C'è anche il peperoncino spray, è legale, ma dubito che sia sufficiente per respingere un'aggressione.

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Tempo creazione pagina: 0.254 secondi
Powered by Forum Kunena