Provocazione della nota rivista contro chi critica lo scrittore di Gomorra Roberto Saviano, disteso sul lettino di una camera mortuaria, dei ferri che gli sostengono la testa, al piede il cartellino identificativo.

 

Per fortuna è un fotomontaggio, elaborazione drammaticamente ralistica con Photoshop ad opera di uno specialista del genere, Gian Paolo Tomasi.

Sarà pubblicata sul mensile "Max", che andrà in edicola venerdì.

Il titolo alla macabra foto è altrettanto inequivocabile: "Hanno ammazzato Saviano".

Andrea Rossi, direttore della testata, ha motivato la scelta di questa fotografia dicendo che, alla redazione, erano "stanchi di sentire gente attaccare Saviano.

E la goccia che ha fatto traboccare il vaso sono state le dichiarazioni di Marco Borriello".

Il giocatore del Milan, infatti, aveva rilasciato un'intervista a "GQ" (rivista diretta rivale di "MAX") in cui accusava l'autore di "Gomorra" di aver guadagnato consensi a descrivendo il peggio della propria terra.

E Andrea Rossi prosegue, dicendo: "In questi mesi è stato un continuo: Emilio Fede, Berlusconi che pure di Saviano è anche l’editore.

Ma insomma qual è il problema, la camorra o Saviano che la camorra la combatte? Mi pare che il gioco che si profila sia quello della delegittimazione: svalutate ciò che dice per isolarlo, poi se arriva quello che lo fa fuori..."

Lo scrittore e giornalista Roberto Saviano non è stato avvisato della trovata fotografica su "MAX"; ne verrà a conoscenza e , allora, sapremo cosa ne pensa.

Saviano vive sotto scorta da tempo, nascosto agli occhi del mondo per la verità che ha saputo raccontare.

 

Written by Daniela Sigaudo     modificated by Manager_Igor Scarabel

«Quanto ti è piaciuto questo articolo???» ... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

 

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.