foto denaro: la BCE avverte l'europaMario Draghi, il capo della Banca centrale europea (BCE), ha detto ai politici europei che dovrebbero fare molto di più per affrontare la crisi del debito.

La configurazione attuale - secondo Draghi - è insostenibile ed ha esortato gli Stati membri a prendere provvedimenti immediati per sviluppare una visione chiara per i prossimi anni.

Draghi ha avvertito che la struttura della unione monetaria dell'euro è diventata insostenibile e ha criticato i leader politici, che, ha detto, sono stati lenti nel rispondere ad una crisi del debito europeo, ormai al suo terzo anno di vita.

"Se può la BCE riempire il vuoto o la mancanza di azione da parte dei governi nazionali sul fronte strutturale? E ancora una volta la risposta è no, le riforme strutturali non hanno molto a che fare con la politica monetaria", ha detto Draghi, aggiungendo: "Cosa possiamo fare ora? Qual è il prossimo passo? Il passo successivo è fondamentalmente per i nostri leader per chiarire qual è la loro visione  futura da qui ai prossimi anni".


E sembra che la Spagna si sia sostituita alla Grecia come epicentro della crisi della zona euro, almeno per ora.

Nuovi dati mostrano che gli investitori sono preoccupati, e stanno ritirando una quantità record di denaro dalla Spagna.

La Banca centrale dice che circa $ 120 miliardi hanno lasciato il paese nei primi tre mesi di quest'anno.

Ma la Spagna non vuol sentir parlare di un salvataggio del FMI.

Tutto questo ha avuto un peso non indifferente sul valore della moneta euro.

E' sceso al livello più basso in quasi due anni contro il dollaro, ed è inoltre calato per il settimo giorno consecutivo contro lo yen - la più lunga serie di sconfitte in quattro mesi e il suo livello più basso da oltre un decennio.

Così, la zona euro è davvero di fronte alla disintegrazione? Può sopravvivere? Ed è realistico per tutti i 17 membri rimanere nella zona euro?

 

Robert Oulds, il direttore del Gruppo di Bruges (che è un think tank con sede nel Regno Unito, filo conservatore, istituito nel febbraio 1989, con l'obiettivo originale di promuovere l'idea di una struttura meno centralizzata europea a quella emergente a Bruxelles), ha così commentato l'attuale situazione dell'euro-zona: "Che cosa deve accadere? I politici hanno bisogno di agire, devono agire, finora sono stati più o meno con la testa sotto la sabbia; devono riconoscere che il loro grande progetto politico di avere una moneta unica europea, con molte economie diverse in tutta l'UE, semplicemente non funziona".

Written by Gabrele Gambardella modificated by Manager_Igor Scarabel

«Quanto ti è piaciuto questo articolo???» ... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

 

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.

Log in to comment


Avatar di z_celeste100
z_celeste100 ha risposto alla discussione #1123 3 Anni 7 Mesi fa
Argomento molto attuale, visto che la notizia riguardante l'Europa, che ha tenuto banco nella seconda metà del gennaio 2016, è la richiesta di diversi stati europei, della sospensione del -Trattato di Schengen-.

Ciò sarebbe stato richiesto da stati come la Grecia e la Danimarca, che pensano con tale sospensione, di trarre un valido aiuto per risolvere le problematiche riguardanti -immigrazione e terrorismo-.

Ma, l'opinione di diversi economisti, tra i quali il ministro dell'economia italiano, Padoan, è che la sospensione del Trattato, porterebbe ad una inevitabile crisi dell'eurozona!




Celeste100