Situazione Grecia: La Merkel nega il taglio del debito e le borse non riaprono.Continua il momento difficile della Grecia che prova in tutti i modi a riprendere i lavori e ripartire cercando di oliare gli ingranaggi che purtroppo faticano a riprendere la loro corsa, e la Merkel in questo non aiuta la Grecia perché nega ancora un taglio del debito greco e di riflesso le borse ritardano l'apertura, i mercati sono in attesa di capire cosa accadrà perché nonostante accordi e aiuti approvati nulla fa pensare che il default sia del tutto scongiurato.

Copyright © All Rights Reserved - We-News.com

La cancelliera tedesca Angela Merkel ribadisce il solito concetto reiterato da giorni che un taglio del debito greco è attualmente un percorso non praticabile all'interno dell'unione, perche un accordo è stato raggiunto sia come aiuti che come impegni di Atene, e tutto è stato fatto nell'interesse del paese ellenico.

Secondo la Merkel infatti alla Grecia sono state già riconosciute diverse agevolazioni per cercare di ripartire, e tutto è sufficiente per mettere in campo un piano concreto di ripresa e poter pian piano rientrare nel debito che attualmente afligge in maniera pesante la Grecia e il Governo Tsipras avrà molto da lavorare su questo.

Il motivo per cui non sarà riconosciuto un ulteriore taglio del debito greco è che allo stato sono già stati applicati tassi di interesse favorevoli, dilazioni di pagamento e altre misure di sollievo e solo dopo previa approvazioni di un programma di aiuti in ambito europeo si può pensare ad ulteriori "alleggerimenti" del debito greco.

Intanto in casa Tsipras continua la convivenza forzata tra dissidenti arrabbiati e favorevoli al piano europeo con un popolo arrabbiato non per il debito greco solamente, ma anche per il voltafaccia che il proprio Leader ha fatto nei loro confronti rinnegando il volere popolare contrario all'accordo con l'Europa.

La Merkel chiede alla Grecia che vengano approvate il prima possibile le riforme concordate con l'Europa in modo da mettersi in piedi il prima possibile e ripartire, visto che la situazione è decisamente a un passo dall'emergenza ecoomica, e un futuro non può essere roseo se si attende ancora a varare le riforme.

La cancelliera tedesca parla anche sull'ipotesi del Grexit a tempo per 5 anni come aveva proposto il ministro delle finanze Wolfgang Schaeuble, dicendo che nonostante avessero preso in conisderazione la proposta, scegliere l'opzione di tenere la Grecia all'interno della moneta unica era la soluzione migliore per tutti.

Era auspicabile che mai la Germania avrebbe accolto l'ipotesi del Grexit a tempo, anche perché se in quei 5 anni le cose fossero andate troppo bene, avrebbero creato un ulteriore conferma che l'Euro è il male comune e che ne dobbiamo uscire tutti, quindi era un ipotesi che mai avrebbero trasformato in fatti.

In tutto questo le borse che avrebbero dovuto riaprire i lavori slittano la loro riapertura, mentre le banche da lunedì riapriranno i battenti, vedremo cosa accadrà in Grecia nel lungo periodo e cosa succederà quando le riforme concordate in Europa cominceranno a far sentire il loro effetto sulla popolazione.

«Quanto ti è piaciuto questo articolo???»
... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.

Log in to comment


Avatar di z_celeste100
z_celeste100 ha risposto alla discussione #850 4 Anni 1 Mese fa
Il secondo pacchetto di riforme, il quale prevede le riforme del sistema bancario e del sistema giudiziario, dovrebbe essere approvato da Atene entro questa notte.
Novecento pagine, che i Parlamentari greci, dovranno discutere questa notte.

In seguito a questo, il popolo del no, oggi, 22 luglio, è tornato in piazza, per manifestare il suo dissenso alle misure pro-austerity, imposte dalla UE.

Una manifestazione calma, in Piazza Syntagma, sede del Parlamento Greco.
La Polizia resta comunque schierata e in allerta.

Soltanto in questi ultimi minuti, pare che il movimento anarchico, stia cominciando a farsi sentire, con lanci di bottiglie.
Ma la faccenda, sembra essersi spenta subito.




Un saluto
Celeste100


:dry: