Strage in Mali: ventisette morti e numerosi feritiAlmeno 27 persone sono morte durante l'azione terroristica avvenuta a Mali, dove un commando jihadista da stamattina aveva come ostaggi ben 170 persone. Sono stati rilasciati solo coloro che sapevano recitare il Corano. Due terroristi sono stati uccisi. Il terrore quindi da Parigi e dall'Europa si è spostato in Africa, in Mali. C'è comunque una stretta connessione tra questi attacchi di matrice jihadista. 

Copyright © All Rights Reserved - We-News.com

Un commando fedele ad Al Morabitoun, costola di Al Qaeda nel deserto del Mali, ha tenuto in ostaggio più di un centinaio di civili in un albergo della capitale Bamako, non si è trattato di un attacco estemporaneo, non c'è stato nulla di casuale.

Seicento uomini dell'esercito francese si trovano da molti giorni all'interno del paese, in una grossa operazione antiterrorismo; l'attacco a Bamako sembra una risposta alla missione, così come le stragi compiute a Parigi nell'ultimo anno.

Stiamo parlando ovviamente del massacro di Charlie Hebdo e di quello più recente del Bataclan, essi sono per molti una tremenda rappresaglia contro un paese in prima linea nella lotta alla Jihad.

I confini fra Isis, Al Qaeda, milizie di Tripoli, Gaza ed Aleppo sono oramai impercettibili, e l'implacabile striscia di attentati terroristici contro la Francia, si spiega ovviamente con la posizione che tale paese ha assunto in alcune missioni in Iraq, Siria ed in altri teatri bellici per combattere il terrorismo.

Secondo alcune riflessioni dello scrittore Michel Houellebecq (59 anni), uno che vive sotto scorta per le minacce di morte degli islamisti, mette in risalto ulteriori ragioni sul perchè la Francia sia così nel mirino dei jihadisti.

Ci sono i tagli che hanno ridotto all'esasperazione le forze di polizia, incapaci di svolgere le loro mansioni.

Inoltre, come se questo non bastasse, c'è il progressivo indebolimento delle frontiere ed un fallimento complessivo, nessuno escluso, dal governo all'opposizione, di fronte ad una responsabilità di ogni classe politica, ossia la difesa della popolazione, una responsabilità appartenente a tutti coloro che guidano un paese.

Tornando all'argomento principale del mio articolo, ossia, l'azione terroristica di Mali in Africa, ebbene, tale stato, fino a poco tempo fa, era considerato uno dei pochi luoghi sicuri del continente nero, meta di turisti e di uomini d'affari.

Questo fino alla furia di alcuni terroristi, assassini, che mentre uccidono innocenti invocano il nome di Allah, Dio; un Dio che nulla ha a che fare con quello descritto da Maometto, Mosè o da Gesù Cristo.

I terroristi hanno preso in ostaggio ben 170 persone, sono stati liberati solo gli ostaggi che sapevano recitare il Corano; alla fine sono intervenute le forze speciali, ma il bilancio è pesante: 27 morti ed un numero elevato di feriti.

Il tutto è avvenuto a Bamako, la capitale del paese africano, il Mali è un piccolo paese dell'Africa nord-occidentale, ex colonia francese, non un stato qualunque, ma una realtà che da anni vive sotto una fragilissima democrazia garantita dalle truppe francesi e dai militari dell'Onu. 

A nord del paese c'è la Sharia e le bande di Al Qaeda, nel 2012 il governo del Mali subì un colpo di stato guidato dal capitano Amadou Haya Sanogo, costituendo il Comitato Nazionale per il ripristino della democrazia in Mali. 

Stamattina c'è stato l'inferno, ci sono volute dieci ore per liberare l'albergo Radisson Blu, hotel che ospita solitamente politici, imprenditori e turisti provenienti da ogni parte del mondo. 

«Quanto ti è piaciuto questo articolo???»
... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.

Log in to comment


Avatar di z_celeste100
z_celeste100 ha risposto alla discussione #978 3 Anni 6 Mesi fa
Proprio oggi, 22 novembre,

Obama avrebbe dichiarato:- Sconfiggeremo l'Isis, non accetteremo la normalità del terrorismo-!

Obama, intervenendo ad un vertice in Malesia,
ha accentuato questo concetto, non facile però da applicare nella pratica: perchè se è vero che ognuno di noi, non deve rinunciare a ciò che fa normalmente per via del terrorismo, è anche vero, che in città come Bruxelles, minacciata in questi giorni continuamente, i cittadini devono accettare delle costrizioni, per via del fatto che la città e' completamente blindata!!!


Un saluto a tutti
Celeste100