Svolta lepenista? Risultato elezioni in Francia!Marine Le Pen e il suo Front National sono in testa nei risultati del primo turno delle elezioni amministrative francesi in sei regioni. Il terrore degli attentati parigini ha generato inevitabilmente dei risvolti politici di notevole importanza. Ballottaggi esclusi, il partito anti Europa compie un balzo in avanti che muta gli assetti politici anche in vista delle future elezioni presidenziali, consentendo alla vulcanica dama nera di ambire alla poltrona dell' Eliseo. Eventualità che potrebbero stravolgere anche diversi equilibri all' interno dell' Unione Europea, creando un effetto domino che potrebbe contagiare diversi paesi in rotta di collisione con Bruxelles e rifornendo le ambizioni di diversi partiti filo-lepenisti presenti anche in altri Stati.

Copyright © All Rights Reserved - We-News.com

A poco meno di un mese dagli attentati di Parigi ecco i primi risvolti politici (elettorali). Il primo turno delle amministrative ha visto primeggiare il partito di Marine Le Pen in ben sei regione.

Gli inni "non abbiamo paura" si sfogano dunque in maniera opposta nei risultati e nei sondaggi elettorali. La dama nera ne esce infatti parecchio rinforzata, e rinforzate sono anche le sue ambizioni ad occupare la poltrona dell' Eliseo in vista delle future elezioni presidenziali.

Una vittoria che stravolgerebbe il piano politico interno, quanto quello europeo e in generale degli affari esteri. Una radicalizzazione delle gestione di criminalità, immigrazione e un ritorno (indietro) ad un politica mercantilista e isolazionista, si accompagnerebbe ad una volontà mai nascosta di uscire dall' Unione Europea e di stravolgere in generale le alleanze sullo scacchiere internazionale, visto lo scetticismo della figlia di Jean-Marie sulle politiche di Nato e quindi di Stati Uniti in primis.

Una svolta di queste dimensioni andrebbe a creare un effetto domino che interesserebbe le ambizioni "secessioniste" del Regno Unito e magari dando anche uno spintarella a partiti in linea con le pretese lepeniste in corsa in altri paesi, quali la Lega Nord (Italia).

La storie e il sistema istituzionale francese hanno generato diversi momenti similari a questi, con risultati spesso inaspettati.

Era infatti il non lontano 2002, quando al secondo turno per le presidenziali si scontrarono Jean- Marie Le Pen e Jacques Chirac, con l'inaspettata vittoria di quest' ultimo.

Il sistema elettorale a doppio turno vigente in Francia favorisce maggiormente le tendenze moderate, in quanto vengono ammessi al secondo turno (salvo il caso un candidato raggiunga la maggioranza assoluta al primo turno) solamente i candidati che superano una determinata soglia, e generalmente questi sono solamente due. Il risultato è dunque che gli elettori si trovano di fronte a una scelta, che li spinge a votare per il male minore. Inoltre diverse volte sono proprio i canditati più svantaggiati (nel caso ne vengano ammessi più di due) a ritirarsi per favorire i risultati a loro più congeniali.

Ecco dunque perché si verifica che elettori socialisti votino candidati repubblicano-gollisti in quanto rappresentino l'alternativa possibile migliore.

Un meccanismo che ha sempre tutelato la grandeur francese. La storia si ripeterà o siamo dinnanzi a una rivoluzione lepenista?

«Quanto ti è piaciuto questo articolo???»
... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.

Log in to comment


Avatar di z_celeste100
z_celeste100 ha risposto alla discussione #990 3 Anni 6 Mesi fa
La vittoria dell'estrema destra per qualcuno, è una perditta dei diritti umani, l'estremismo per alcuni è assolutamente sbagliato.

Per altri, l'ascesa del -Front Nacional-, è dovuta agli attentati parigini.

Per altri è semplicemente la manifestazione di un un malcontento dei cittadini francesi, nei confronti di un socialismo, che non ha soddisfatto i bisogni dei cittadini.

L'estrema destra di Marine le Pen, non è sicuramente quella di suo padre, Jean Marie le Pen, ma è una destra estrema profondamente cambiata, dall'abbandono di una visione neo-fascista, da parte della stessa le Pen!




Celeste100
Avatar di z_celeste100
z_celeste100 ha risposto alla discussione #1002 3 Anni 5 Mesi fa
Alla fine, Marin le Pen con il suo Front National, non si è aggiudicata nemmeno una delle sette regioni francesi, delle quali i ballottaggi per le elezioni regionali, si sono svolti domenica, 13 dicembre 2015.

I conservatori di Sarkozi, hanno ottenuto cinque regioni, i socialisti di Hollande, due.

Nel primo turno, si è avuta un'affluenza alle urne da parte dei cittadini francesi del 44% circa, contro il 59% circa, del secondo turno di ballottaggio.

L'aumento di affluenza durante il secondo turno, è un chiaro segnale, che il popolo francese, sia corso alle urne durante il turno di ballottaggio, per dire -no-, all'avanzata di -Front National-, anche se la politica di sinistra di Hollande, avendo deluso buona parte degli elettori dello stesso, ha consentito a le Pen, in questi ultimi anni, un rafforzamento da non sottovalutare.


Celeste100