Adesso lunghe trattative in Germania per la formazione del nuovo Governo
Adesso lunghe trattative in Germania per la formazione del nuovo Governo. 

Se il populismo è ultra-nazionalista di destra e se quel populismo vince in Germania e proprio in Germania, tutta l'Europa si preoccupa. Le Borse stanno vivendo male, con delusione, i risultati elettorali tedeschi testimoniati anche dalla grafica del TG3. C'è incertezza in Europa, dopo il  responso delle urne e nell'attesa della formazione del nuovo Governo. Sono in molti a prevedere la nascita di una coalizione Giamaica, ovvero una convivenza fra Cdu-Csu, liberali e Verdi che prenderebbe il nome dai colori della bandiera della Giamaica, gli stessi dei tre partiti.

Copyright © All Rights Reserved - We-News.com

Il sistema elettorale proporzionale tedesco ha fornito i suoi verdetti e non sono del tutto rassicuranti: la sconfitta di Schulz e dei socialdemocratici non ha solo inflitto a questa parte politica il peggior dato elettorale dagli anni Cinquanta ad oggi, ma ha anche e soprattutto sancito la fine della Grosse Koalition.

Angela Merkel ha vinto ma senza fare Risiko, niente pigliatutto con l'8 per cento dei voti in meno.

Le trattative per la formazione del nuovo Governo saranno lunghe e per nulla facili, per una situazione che ricorda lo scenario post-elettorale britannico.

Se la Merkel e la CDU hanno comunque conquistato il 32% dei voti, la SPD si sinistra è stata relegata in un angolo con solo il 20%.

Ma il vero problema è AfD, il neonato partito di estrema destra, che si è aggiudicato il podio ed ha conquistato il terzo posto nella volata elettorale, con un sorprendente 13%.

Seguono Die Linke, FDP e i Verdi con percentuali che si aggirano tra il 10 e l’8 per cento. Die Linke, a cui i sondaggi assegnavano l’11%, si ferma all’8.9. Bene i Verdi, con il 9.2%, mentre l’FDP torna nel Bundestag con il 10.1.


Angela Merkel farà dunque il Governo con i liberali dell'FDP e i Verdi?

E' la possibilità più accreditata al momento e se questo dovesse davvero accadere, anche se vedremo con quali tempi, la cancelliera alle porte del quarto mandato dovrà ringraziare proprio lui: Christian Lindner, oggi leader dei Liberali tedeschi, il 38 enne che ha riacceso il motore bolso  dei liberali, un po' come aveva fatto a suo tempo in Italia con la Lega proprio Matteo Salvini.

Appassionato di filosofia, un'autentica fede nel pensiero liberale, l'erede di Guido Westerwelle ha puntato tutto su di sé, in questa campagna elettorale e ha avuto ragione.

Ma la preoccupazione di tutti, oggi,è Alice Waidel, ovvero l'anti-Merkel dell'estrema destra tedesca: non ha i baffetti ma la sua proposta politica è piaciuta a molti elettori in Germania.

Tanto che il candidato di punta del partito Alexander Gauland ha commentato: "Siamo nel parlamento tedesco e cambieremo questo paese. Qualsiasi governo si formerà dovremo fare attenzione. Combatteremo contro Merkel o chiunque sarà alla guida del governo. Da oggi c’è di nuovo un partito di opposizione nel Bundestag".

Lui, Gauland, è un fuoriuscito della CDU della Merkel, mentre lei, Waidel, è una economista che ha richiamato subito l'attenzione per essere lesbica e sposata con una cingalese, pur guidando un partito che alimenta la xenofobia.

«Quanto ti è piaciuto questo articolo???» ... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

 

FONTI:

Per il contenuto: Elezioni in Germania, vola l'ultradestra dell'Afd, repubblica.it, 25 Settembre 2017

Per l'immagine: www.we-news.com 

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.

Articolo scritto da:

Mauro Suma, il Direttore Responsabile (leggi la sua biografia).

Log in to comment