Le elezioni amministrative positive per il Centro-destra
Le elezioni amministrative positive per il Centro-destra

Mai visto un astensionismo così, roba da record. A vincere a Ostia, nelle elezioni per la municipalità romana, è stato proprio l’astensionismo. Non è un partito,  ma un umore espresso anche molto  chiaramente. Sarà stata colpa solo del nubifragio? In ogni caso alle elezioni per il nuovo presidente del municipio (che comprende anche Acilia e Casalpalocco, per un totale di oltre 200mila abitanti) del dopo commissariamento per mafia, è stata registrata una delle affluenze più basse che si ricordi sul litorale: il 36,15%. Vale a dire che due elettori su tre hanno preferito restare a casa.

Copyright © All Rights Reserved - We-News.com

Non solo Sicilia, si è votato anche a Ostia, dove saranno Movimento 5 Stelle e Centro-destra a contendersi il posto di presidente del X Municipio di Roma, quello di Ostia reduce dal commissariamento per mafia.

Il ballottaggio sarà il prossimo 19 Novembre.

Con il 100% delle sezioni scrutinate, la candidata pentastellata Giuliana Di Pillo risulta la più votata con il 30,2% delle preferenze, davanti a Monica Picca, responsabile locale di Fratelli d'Italia che corre con una coalizione con Lega e Forza Italia, che ha ottenuto il 26,7% dei voti.

Gli altri: Athos De Luca (Pd) si è attestato sul 13,6%, davanti al candidato di Casapound Luca Marsella che ha chiuso al 9,1%, mentre l'ex viceparroco Franco De Donno ha ottenuto l’8,6% finale.

Sembrano tutte un derby Grillo-Berlusconi queste elezioni amministrative, con Renzi fuori dai numeri che contano per vincere le amministrative.

In Sicilia, infatti,  per la presidenza della Regione, la quarta proiezione Piepoli per la Rai, data ormai come piuttosto attendibile, vede il candidato del Centro-destra Nello Musumeci in testa con il 36% delle preferenze (la coalizione che lo sostiene al 38,6): a seguire l'esponente del Movimento Cinque Stelle Giancarlo Cancelleri al 34% (M5s al 27,2%).

Il Centro-sinistra diviso è alle spalle: Fabrizio Micari con il 19,5% (coalizione 25,9%) e Claudio Fava al 9%, mentre alla Lista i Cento Passi viene attribuito il 7,3%.

Se tutto sarà confermato si profila una sconfitta per il PD: una sconfitta che gli esponenti renziani già ammettono,  scaricandone però una buona parte del senso su MDP e sulle divisioni della sinistra che "fanno vincere Berlusconi".

A loro volta i bersaniani sostengono che è Renzi a dividere e non se ne esce.

In ogni caso, secondo il sondaggista Nicola Piepoli, quella di metà mattinata "E' una proiezione equilibrata: la vittoria di Musumeci è territoriale e quindi è molto probabile". 

Ricordiamo che lo spoglio dei voti è iniziato alle 8, mentre in Sicilia dalle 8 alle 22 della prima domenica di Novembre si sono recati alle urne per l'elezione del presidente della Regione e dei 70 deputati regionali, 2.179.474 elettori su 4.661.111, il 46,76% degli aventi diritto, mentre cinque anni fa avevano votato 2.203.165 persone. 

A vincere in realtà è proprio il partito del non voto: fa davvero riflettere che il 46,76% abbia votato per l'elezione del presidente della Regione.

«Quanto ti è piaciuto questo articolo???» ... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

 

FONTI:

Per il contenuto: Nello Musumeci avanti nelle proiezioni in Sicilia, è al 36% Cancelleri al 34%.

Per l'immagine: www.we-news.com 

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.

Articolo scritto da:

Mauro Suma, il Direttore Responsabile (leggi la sua biografia).

Log in to comment