La lettera della studentessa migrante a Minniti:
La lettera della studentessa migrante a Minniti: "Sono fortunata a non essere morta"(Video)

Alissa, giovane migrante arrivata dal Marocco a bordo di un barcone ha raccontato la sua avventura al Ministro dell'Interno Marco Minniti. La giovane studentessa ha iniziato dicendo di come sia stata fortunata a non morire in mare o on libia. Nell'articolo l'intervento della giovane in video...

Copyright © All Rights Reserved - We-News.com

Ieri visita del ministro dell'Interno Marco Minniti a Pozzallo, nel ragusano.

La città marinara, nota per essere la porta del Mediterraneo e, quindi, teatro di numerosi sbarchi di migranti, sta celebrando il 40esimo anniversario della morte di Giorgio La Pira, illustre politico italiano che proprio a Pozzallo ha avuto i natali.

A volere la presenza del ministro, il sindaco della cittadina ragusana, Roberto Ammatuna, che più volte ha elogiato l'operato di Minniti per la riduzione dei flussi migratori.

"Minniti - ha dichiarato il primo cittadino di Pozzallo - è un politico per certi versi atipico, uno che alle parole preferisce i fatti.

Tutti - ha continuato il sindaco- da tempo parlano di ridurre gli sbarchi, ma lui l'ha fatto davvero riuscendo a dialogare con chi governa il Nord- Africa e con l'Europa".

A tal proposito leggi anche: Pier Ferdinando Casini: "Difendo Minniti su ONG, scafisti, migranti e la loro regolamentazione!"

Durante il so Intervento Minniti ha discusso molto di immigrazione, elogiando l'azione della comunità pozzallese definita la città dell'accoglienza.

"Noi continueremo ad accogliere - ha affermato il ministro - ma lo faremo per le vie legali, per togliere dalle mani dei trafficanti di essere umani il destino dei migranti".

Molto toccante le parole dette al ministro da due studentesse, una del luogo e una migrante marocchina, oramai 18enne, che è riuscita a continuare gli studi grazie ad una borsa di studio e che a Minniti ha rivolto parole davvero significative.

"Mi reputo fortunata a non essere morta in mare o in libia", cosi la giovane Alissa ha aperto il suo intervento carico di sentimento e di speranza.

Guarda il video dell'intervento integrale della studentessa marocchina:

.

Al termine dell'intervento delle due ragazze, il Ministro si è alzato ed è andato ad abbracciarle, un gesto fortemente simbolico che ha scatenato l'applauso della platea.

Partendo dalle parole delle studentesse il rappresentante del governo italiano ha ribadito che l'integrazione è una priorità che anche l'Europa deve comprendere.

L'Europa - ha dichiarato- non può lasciare sola l'Italia".

Alla fine del suo intervento Marco Minniti ha visitato l'Hot Spot di Pozzallo, una struttura di prima accoglienza che giornalmente riceve centinaia di migranti.

L'ultimo sbarco si è verificato nella giornata di Giovedì con 294 migranti approdati al Porto di Pozzallo.

Tra questi anche una bambina somala di due anni arrivata in arresto cardiaco per via di una broncopolmonite sfociata in crisi respiratoria.

Dopo essere stata rianimata e trasportata in elisoccorso al Policlinico di Messina, la piccola si è ripresa e adesso sta meglio.

"La mia vista a Pozzallo - ha dichiarato ancora Minniti - vuole essere la testimonianza reale che il Governo è vicino a questa comunità che ogni giorno fa tantissimo per il Paese e per l'Europa.

Solo un paio di settimane fa, la provincia di Ragusa ha dato l'ultimo saluto al piccolo Great, il bambino nigeriano di due anni morto in mare durante una traversata finita agli onori della cronaca per le denunce della Ong Sea Watch 3 alla Guardia Costiera Libica.

«Quanto ti è piaciuto questo articolo???» ... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

 

FONTI:

Per il contenuto: dell'autore.

Per l'immagine: www.we-news.com 

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.

Articolo scritto da:

Carmelo Riccotti La Rocca, il Capo Redattore (leggi la sua biografia).

Partito con 15 in più

Log in to comment