Salvini:
Salvini: "abbiamo vinto le elezioni, ma io non dico o Salvini o morte". Di Maio risponde "noi primo partito, daremo agli italiani un governo che aiuti i cittadini". 

Salvini celebra la vittoria del centrodestra in Molise ed invita Di Maio a "scendere dal piedistallo" e trovare un accordo per formare una maggioranza di governo. Il leader cinque stelle risponde "noi primo partito anche in Molise, gli altri fanno ammucchiate".

Copyright © All Rights Reserved - We-News.com

Matteo Salvini è un fiume in piena. Dopo giorni di silenzio, il leader della Lega Nord ne ha per tutti.

Da Trieste Salvini lancia un messaggio a Luigi Di Maio: “Mi auguro che il centrodestra e il movimento cinque stelle trovino un accordo per governare insieme, in Molise i risultati sono stati chiari: il centrodestra ha stravinto e il movimento cinque stelle è arrivato secondo. Noi abbiamo vinto le elezioni, ma io non dico Salvini o morte”.

Il leader del Carroccio ha poi proseguito: “Auguriamo a Mattarella di svolgere un buon lavoro, noi abbiamo le idee chiare ed un programma pronto, mi auguro che qualcuno scenda dal proprio piedistallo per metterci al lavoro insieme, in modo da dare agli italiani nel più breve tempo possibile un governo che rispecchi il loro voto, anche dopo queste elezioni”.

Riguardo l’ipotesi di un possibile colpo di scena, con un alleanza M5S-PD, Salvini è lapidario: “Penso che il partito democratico per dignità debba farsi da parte. Il voto degli italiani è stato chiaro: sinistra e PD sono stati cancellati dalla faccia della terra”.

Si rivolge quindi anche a Roberto Fico, presidente della camera, che in queste ore è in attesa di ricevere dal presidente Mattarella un mandato esplorativo.

“Spero di incontrare Fico già domani”, ha dichiarato Salvini, aggiungendo che “le famiglie e le imprese non possono più aspettare, noi siamo pronti a sederci ad un tavolo e ricostruire il paese nei prossimi cinque anni”.

Dal canto suo Luigi Di Maio, attraverso la sua pagina Facebook, ringrazia Andrea Greco per “l’impegno e la passione con cui ha portato avanti la nostra campagna elettorale”.

Sulle elezioni in Molise il leader dei pentastellati lancia una stoccata al centrodestra: “Vorrei ricordare che il Movimento cinque stelle si è presentato da solo, a differenza di altri che hanno preferito fare ammucchiate che ora rischiano di sciogliersi come neve al sole, come la Sicilia insegna, e che difficilmente potranno lavorare per il bene dei molisani”.

La tesi grillina è che il candidato del centrodestra Donato Doma si sia presentato alle elezioni sostenuto da “una coalizione composta da 8 liste, di queste nemmeno una ha raggiunto il dieci per cento”.

Nel suo post Di Maio aggiunge che “i partiti che rappresentano il centrodestra - Forza Italia, Lega Nord e Fratelli d’Italia - insieme superano appena il 22 per cento”, sottolineando che “il nostro candidato Andrea Greco, da solo, supera il 38 per cento”.

Il leader dei cinque stelle ha inoltre tenuto ad evidenziare il fatto che anche in Molise il primo partito sia stato in ogni caso il movimento pentastellato.

“Questo risultato è la dimostrazione che una larga parte del paese ci chiede di con forza di archiviare la vecchia politica e di far partire un governo del cambiamento. Non intendo lasciare questa richiesta inascoltata. Rimaniamo concentrati su questo obiettivo, fiduciosi di poter arrivare a dare al Paese un governo che finalmente lavori per i cittadini”.

«Quanto ti è piaciuto questo articolo???» ... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

 

FONTI:

Per il contenuto: QUI SCRIVI IL TITOLO DELL'ARTICOLO, IL SITO CHE LO OSPITA, L'AUTORE E LA DATA.

Per l'immagine: www.we-news.com 

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.

Log in to comment